Slider — 07 Febbraio 2018

Torniamo ancora una volta a dare risalto alla notizia di qualche giorno fa, come al solito fatta passare in sordina, sul netto calo delle temperature (rilevazione da satellite) che si è registrata a livello globale in un solo mese, con particolare attenzione rivolta alla zona tropicale.

Questo, come abbiamo spiegato in molti nostri articoli, supportata da una vasta letteratura scientifica, avviene a causa della bassa attività solare che a sua volta innesca il raffreddamento degli oceani, e che la conseguenza non può poi essere che il propagarsi a tutti i livelli in atmosfera.

Continueremo a monitorare i prossimi anni e a darvene notizia, consapevoli che il prossimo arrivo di un grande minimo solare potrebbe portare seri problemi energetici, economici, alimentari e perfino culturali.

Buona lettura

Enzo
Attività Solare

 

I satelliti mostrano il più grande calo della temperatura tropicale degli ultimi anni

Di Michael Bastasch – 02.02.2018

L’esordio della Niña nell’Oceano Pacifico tropicale ha causato un abbassamento della temperatura a livelli mai visti negli ultimi sei anni, secondo i dati di rilevamento satellitare.

“Notare come La Niña, fenomeno che raffredda i tropici, ha finalmente iniziato a raffreddare anche la troposfera, con un valore sceso a -0.12°C rispetto la media”, scrivono i due scienziati dell’atmosfera John Christy e Roy Spencer, che compilano i dati satellitari presso l’Università dell’Alabama, a Huntsville.

I dati satellitari, che misurano l’atmosfera di massa della Terra, mostrano anomalie di temperatura scese da 0,41° C di dicembre 2017 a 0,26°C di gennaio 2018. Il calo della temperatura è stato causato dal raffreddamento della Niña nella zona tropicale.

La Niña che sarà presente probabilmente per tutto il 2018, ha permesso alle temperature tropicali di scendere a gennaio a -0.12°C, in calo rispetto al mese precedente risultato a 0,26°C. Questo risulta il terzo calo della temperatura tropicale più grande mai registrato.

“L’ultima volta che i tropici sono risultati più freddi di gennaio è stato a giugno 2012 (-0,15° C)”, hanno riferito i due scienziati.

“Dai dati satellitari raccolti in 470 mesi, quello registrato di 0,38°C è il terzo calo più basso della temperatura tropicale del mese scorso, è stato battuto soltanto da ottobre 1991 (calo di 0,51° C) e da agosto 2014 (calo di 0,41 gradi C)”.

La Niña si è stabilita alla fine del 2017, con acque più fredde che arrivano dal Sud America, attraverso le isole del Pacifico orientale. È l’opposto degli eventi di riscaldamento di El Niño.

“L’ultima volta che l’emisfero australe è risultato con un dato così basso (+0,06°C) è stato luglio 2015 (+0,04° C),” hanno scritto Christy e Spencer.

“L’andamento delle anomalie della temperatura troposferica media globale inferiore da gennaio 1979 a gennaio 2018 rimane a +0,13° C/decennio”.

Fonte: The Daily Caller

Share

About Author

Daniele Baroni

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi