Ambiente, territorio & dissesti — 24 giugno 2015
Poche regole estese a tutti possono contribuire a migliorare il nostro futuro, non delegare più: AGISCI!
Clicca e scarica il file PDF “poche regole per contribuire a migliorare il nostro futuro, non delegare più: AGISCI!”

Ho un personalissimo pensiero a riguardo del cosiddetto “Global warming” , la nostra terra vive di cicli, naturali, dettati da periodi di riscaldamento alternati ad altri di raffreddamento. Ere ove le anomalie positive si sono riscontrate, non son, certo,  nuove nella storia del pianeta terra. Preferisco pensare che, piuttosto, siano i “Cicli Solari” gli unici effettivamente “coinvolti” nell’alterazione del nostro clima, non amo, quindi, gridare ed unirmi alle più famose teorie del riscaldamento globale a nostra totale opera (dell’uomo), i troppi interessi in gioco fan si che simili pensieri perdano il senso quando attorno ad essi gli interessi possano essere, come sono, troppi. Tuttavia, di sicuro, qualcosa, inquadrando il problema nel binario “corresponsabilità dell’uomo”, possiamo farlo quantomeno per attenuare ciò che con nostra mano abbiam contribuito ad accrescere. Ecco, pertanto, una sorta di “decalogo” con semplici regole di “buonsenso”, regole che ognuno di noi può attuare aiutando, nel nostro piccolo, a ridurre i consumi. Farà bene alla collettività, al pianeta e a non sprecare troppo anche in funzione delle ristrettezze economiche, altro tema oggi, purtroppo, sempre più di attualità.

Il nostro Pianeta continua a scaldarsi ad opera delle emissioni di gas serra nell’atmosfera, frutto della combustione di materiali fossili (carbone, petrolio, etc.), di questo l’uomo, oltre ai normali cicli naturali, ne risulta corresponsabile. Ciò porta inevitabilmente a sconvolgimenti climatici a livello globale; sempre più frequenti sono i fenomeni di desertificazione, alluvioni, violenti uragani e trombe d’aria, le calotte polari e i ghiacciai si sciolgono a ritmi accelerati; flora e fauna cambiano i propri cicli biologici; nessuna parte del Mondo è esente da tali cambiamenti: nemmeno l’Italia. Alcuni tra i maggiori Governi del Mondo si sono impegnati a diminuire le emissioni di gas serra sottoscrivendo il Protocollo di Kyoto, ma ciò non basta! Serve il contributo di Tutti, di ogni singola persona che abbia a cuore le sorti del nostro Pianeta! Per “aiutarci” basta attenersi ad alcune piccole regole di seguito elencate:

  • NON SPRECARE L’ACQUA:

Non tenere i rubinetti aperti se non usi l’acqua che scorre; fai in modo che le lavatrici e le lavastoviglie siano a pieno carico; non lavare spesso l’automobile; innaffia il giardino solo di sera e quando realmente vi è il bisogno; privilegia la doccia al bagno; usa valvole “frangigetto” nei rubinetti (permettono la miscelazione in egual misura di aria/acqua)

  • MODERA L’USO DI AUTO E MOTO:

Per i piccoli tragitti usa la bicicletta o fai una passeggiata; cerca di utilizzare in maggior misura i mezzi pubblici

  • MODERA IL RISCALDAMENTO O IL CONDIZIONAMENTO:

In inverno una temperatura di 21/22° risulta sempre e comunque confortevole, in estate 23/24° sono più che sufficienti, ricorda che è l’umidità che non permette la “traspirazione” del corpo, preferisci programmi di deumidificazione a temperature più alte piuttosto che il solo raffreddamento! Non “estremizzare” con salti termici troppo ampi fra l’esterno e la tua casa o ambiente di studio/lavoro, il grado di comfort lo raggiungi comunque con scarti di temperatura più ragionevoli!

  • NON SPRECARE L’ENERGIA ELETTRICA:

Utilizza lampade a basso consumo; non lasciare luci accese in stanze ove non occorre; spegni gli elettrodomestici quando non li usi e non lasciare accese luci di “standby” come quelle di un impianto hi-fi, un TV o di qualsiasi apparecchio che segnali, con un led acceso, il funzionamento. Quella luce, moltiplicata per il numero di apparecchi che hai in casa in un anno solare, non è un consumo trascurabile, anzi! Sarebbe sempre bene utilizzare una “Ciabatta multipresa”, quelle con interruttore “on/off” integrato. Terminata la fruizione del tuo apparecchio, semplicemente togli esso l’alimentazione agendo sul tasto e portandolo ad “off”!

Il termostato del tuo frigorifero ti indica il grado di “raffreddamento”, nella maggior parte degli stessi il valore è compreso tra 1 a 6, scegli la giusta gradazione per mantenere sufficientemente freschi gli alimenti, alzando il termostato “oltremodo”, senza parsimonia ottieni l’esatto contrario. Una temperatura troppo fredda favorirà, ad ogni apertura della porta, l’immediato ingresso dell’umidità ambientale, la stessa, adagiandosi sulle pareti del frigo, ghiaccerà all’istante, questo significa SPRECO, il motore “lavorerà” molto di più per continuare a raffreddare (e per nulla!!)

Seguendo questi accorgimenti guadagnerai in salute, risparmierai denaro e contribuirai a lasciare un mondo migliore ai tuoi figli e alle generazioni future. Il blog di www.meteoservice.net  incoraggia ed autorizza la diffusione globale del presente testo ed auspica lo stesso possa esser preso a riferimento da chiunque vorrà, a sua volta, diffonderlo, a condizione venga sempre citata la fonte

Clicca e scarica il file PDF “poche regole per contribuire a migliorare il nostro futuro, non delegare più: AGISCI!”

Global Warming

Ed il PIANETA, ringrazia!

Share

About Author

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *