L’anticiclone picchia duro e il caldo sulle nostre regioni centro-settentrionali tende ad intensificarsi. La massa d’aria è sottoposta a forti moti compressivi e negli strati medio-bassi, l’atmosfera inizia a risentire della forte evapo-traspirazione, con l’umidità che rimane intrappolata come da un coperchio . In altre parole nei prossimi giorni, oltre ad un ulteriore incremento delle temperature, che raggiungeranno i valori di picco previsti per questa ondata di calore (35-36°C su pianure del nord e del centro), si assisterà anche ad un aumento del tasso di umidità. Il caldo si farà dunque afoso.

Ma l’aria umida è anche più leggera quindi, se aiutata da un pendio montuoso, può vincere qua e là i moti discendenti dell’anticiclone, forare il “coperchio” e innescare attività convettiva, in altri termini temporali. Per questo motivo nei prossimi giorni, si prevede una accentuazione dell’attività temporalesca pomeridiana o serale, a carico delle nostre Alpi, soprattutto lungo i settori centrali e occidentali.

Qualche rovescio o breve temporale sarà possibile, sempre nelle ore pomeridiane, anche sull’Appennino settentrionale, essenzialmente il tratto Ligure e quello Emiliano.Si tratterà di episodi brevi e localizzati, i classici temporali di calore, che non porteranno sostanziali mutamenti al campo termico, ovvero dopo tornerà irrimediabilmente a fare caldo.

Luca Angelini per Meteoservice.it

Share

About Author

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi