Editoriali Slider — 30 dicembre 2016
La possibile svolta di gennaio, almeno in parte, ci sarà..

Effetto di configurazioni meteo assolutamente diverse da quella che ha caratterizzato buona parte del mese precedente. Intanto una irruzione che sfiora le nostre regioni centro-meridionali adriatiche è in atto, e poi una nuova irruzione si profila per i primi del mese (intorno al giorno 3).

In pratica il disegno generale sta assumendo sempre di più la forma di pulsazioni azzorriane che scaricano irruzioni successive verso le medio-basse latitudini. Intanto quella del 3 gennaio, che, peraltro, non appare così intensa, sembra poter avere come obiettivo il Mediterraneo Centrale, proponendosi, in tal senso, come un progresso rispetto alla precedente.

Risulta interessante, poi da vedere, l’evoluzione successiva e, soprattutto, quello che, come nuova irruzione, i vari modelli stanno proponendo in dirittura di fine decade (il disegno si riferisce alla mappa prevista da ECMWF per il giorno 8). Lo scenario che sembra aprirsi, in proposito, appare ancora assai incerto con la possibilità di almeno tre possibili sviluppi: una ingerenza eccessiva delle azzorre ed una discesa destinata al mediterraneo centro-orientale (linea e freccia viola); una apertura ad occidente con progressione della depressione oceanica, regressione verso ovest della sacca fredda e conseguente riallineamento del flusso lungo i paralleli (linee e frecce azzurre); una irruzione di tutto rispetto che ci coinvolge e che ci regala una bella fase fredda (linea e freccia blu).

Inutile dire che, al momento, questo terzo sviluppo appare il meno probabile. In ogni caso rimane le sensazione di un mese di gennaio con molti più movimenti ed associato ad una stagione più consona al periodo…

 

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi