Mondo Slider — 07 Ottobre 2016
Sale a 842 il drammatico bilancio dei morti causati dall’uragano Matthew ad Haiti.

Ma le autorità temono che il bilancio dei morti possa drammaticamente superare l’attuale bilancio di 842 vittime: lo sostengono alcuni responsabili citati da Fox News. Alcune aree devastate sono infatti completamente isolate.

Nella cittadina di Jeremie l’80% degli edifici è andato distrutto così come 30.000 abitazioni nel sud del Paese. Per ora Matthew non ha toccato le coste della Florida, ma “c’è grande preoccupazione perché l’uragano possa improvvisamente rafforzarsi”. Per questo è importante procedere alle evacuazioni. E’ l’ennesimo appello di Barack Obama. Dal Papa ‘dolore’ e ‘vicinanza nella preghiera’ a quanti sono stati colpiti.

Uragano lambisce Florida, ‘ma non e’ finita’  – Il pericolo di un impatto diretto e’ stato scongiurato per il sud della Florida, ma Matthew resta pericoloso. L’uragano si trova ora a poco piu’ di 70 chilometri a largo di Daytona Beach, 400 chilometri a nord di Miami, con venti superiori ai 100 chilometri orari. Il governatore Rick Scott invita comunque i residenti a stare vigili: “Non e’ finita”, l’uragano può’ ancora colpire direttamente e il rischio inondazioni e’ ancora forte. Al momento – ha spiegato – 600 mila abitazioni sono senza energia elettrica ma tutte le autostrade e strade principali dello stato sono aperte.

Surf from the Banana River crashes up on a dock at Sunset Grill in Cocoa Beach, Fla., as Hurricane Matthew hits Florida's east coast, Friday, Oct. 7, 2016. (Red Huber/Orlando Sentinel via AP)

Fonte: ansa.it

Share

About Author

fabio porro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi