Una caduta di sabbia vulcanica sta interessando i paesi pedemontani del versante orientale dell’Etna. Il fenomeno è originato dall’attività dei crateri sommitali.

Come spiega il vulcanologo dell’Osservatorio catanese dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Boris Behncke: “E’ già da più di due settimane che il Cratere di Nord-Est – il più alto (3326 m) dei crateri sommitali dell’Etna – sta emettendo cenere in maniera intermittente”.

“Oggi, 23 gennaio 2019, si sono osservate emissioni di cenere anche dal cratere Bocca Nuova (il più grande dei crateri sommitali etnei). Questa attività – continua – non ha niente a vedere con i terremoti sui fianchi dell’Etna o con altri cataclismi che qualcuno potrebbe ritenere imminenti. L’attività sismica è attualmente piuttosto bassa e su livelli completamente normali”.

 

foto di

Foto pubblicata da Piera D’arrigo

fonte articolo

http://catania.gds.it/2019/01/23/etna-nuova-emissione-di-cenere-lavica-il-vulcanologo-nessuna-correlazione-con-i-terremoti_988762/1/

Share

About Author

Fabio Fornara

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi