Disastri dal Mondo — 22 Agosto 2016

ANSA) – NEW DELHI, 22 AGO – Le piogge battenti dovute alla stagione monsonica hanno causato allagamenti, inondazioni e decine di vittime negli ultimi giorni in vari Stati dell’India, costringendo le autorità locali a disporre l’evacuazione di migliaia di persone. Il premier indiano Narendra Modi ha assicurato via twitter “il pronto intervento del governo centrale in aiuto di cinque Stati colpiti dal maltempo”.
In Bihar, sono straripati numerosi fiumi fra cui il Sone, il Punpun e lo stesso Gange, costringendo l’evacuazione di centinaia di famiglie trasferite in rifugi di fortuna ed in scuole. Grave anche la situazione in Madhya Pradesh, dove i morti delle ultime 24 ore sarebbero almeno 20 e dove il governatore Shivraj Singh Chouhan ha personalmente visitato l’accampamento approntato ieri sera a Satna.
Infine, i morti registrati finora in Uttar Pradesh sono almeno undici, mentre i fiumi Gange e Yamuna non cessano di crescere, mettendo in difficoltà le popolazioni di Allahabad e Varanasi.

epa05461075 Indian people hold an umbrella to protect themselves from rain during flash floods on the outskirts of Jammu, the winter capital of Kashmir, India, 07 August 2016. According to the news reports, a flood alert was sounded in Jammu as River Tawi was flowing at danger mark of 18 ft, while river Chenab was few centimeters from danger mark of 30.5 feet after incessant rains in the region. EPA/JAIPAL SINGH

Share

About Author

fabio porro

(1) Reader Comment

  1. La Familia mondiale è unita nella Casa Comune. Si sbrighi a varare progetti di “End of War”, anche su cibo, clima, salute e istruzione gratuita su tutto il Pianet5a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi