Scoperto un rigonfiamento del fondo del mare con emissioni gassose nel Golfo di Napoli durante una campagna oceanografica coordinata da CNR, INGV e Università di Firenze. I risultati sono stati pubblicati su Scientific Reports-Nature
tratto da ingv.it

Un duomo (rigonfiamento) sul fondo marino con associate emissioni gassose è stato localizzato per la prima volta nel Golfo di Napoli a una distanza di circa 5 km dal porto di Napoli e 2.5 km da Posillipo. A individuarlo un team di ricercatori dell’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero e di Geoscienze e Georisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMC e IGG del CNR), dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, durante i rilievi della campagna SAFE 2014 (Seafloor Acoustic Detection of Fluid Emissions) a bordo della nave oceanografica Urania del CNR. Lo studio (Seafloor doming driven by degassing processes unveils sprouting volcanism in coastal areas) è stato pubblicato su Scientific Reports-Nature.

La comunicazione in rete è arrivata tramite una nota stampa, precisamente la n°3 del 2016, intorno alle 15 del 1 marzo 2016.

“Questa struttura”, spiega Salvatore Passaro dell’IAMC-CNR, “si trova a metà strada tra i vulcani attivi del Campi Flegrei e del Vesuvio a profondità variabili tra i 100 e i 170 metri. La sua altezza è di circa 15 metri e copre un’area di 25 km2”.

Durante i rilievi sono state scoperte 35 emissioni gassose attive e oltre 650 piccoli crateri riconducibili ad attività di degassamento avvenuto in tempi recenti. Tutta questa area si è formata per la risalita, tuttora attiva e comunque più recente di 12.000 anni, di gas di origine profonda (mantello) e crostale. La risalita dei gas avviene lungo condotti di diametro variabile tra i 50 e i 200 metri che tagliano, piegano e fratturano i sedimenti marini attuali.

“I dati raccolti nel Golfo di Napoli”, afferma Guido Ventura, ricercatore dell’INGV, “ci indicano che siamo in presenza di un’attività correlabile a una fenomenologia vulcanica non associata, per ora, a una risalita diretta di magma; tuttavia, come ormai noto da precedenti esperienze in Giappone, Canarie, Mar Rosso, queste manifestazioni possono, in alcuni casi, precedere la formazione di vulcani sottomarini o esplosioni idrotermali”.
Una fenomenologia analoga a quella riscontrata nel Golfo di Napoli caratterizza anche l’attività dei Campi Flegrei.
“Lo studio di quest’area rappresenta oggi un punto di partenza per la comprensione dei fenomeni vulcanici sottomarini in zone costiere”, conclude Guido Ventura

 

purchase discount medication! dapoxetine tablet price india . online drugstore, viagra buy female cialis – can i bumps mag je alcohol bij can you buy doxycycline over the counter lloyds uk dose street value vibramycin prescribing information does doxycycline hyclate buy cialis at a pharmacy at suvarnabhumi airport. prednisone 10mg, cheap prednisone , purchase prednisone , buy prednisone buy 250 mg amoxil online buy Amoxicillin amoxil 500 price , generic prednisone , prednisone price, prednisone tablets. dapoxetine online. P6221378-OK

 

 

100_3458-OK

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte blueplanetheart

Graduale miglioramento

Graduale miglioramento

agosto 04, 2020
Forte maltempo

Forte maltempo

agosto 03, 2020
Ultime ore di caldo

Ultime ore di caldo

agosto 01, 2020
Settimana calda

Settimana calda

luglio 27, 2020
Bel tempo

Bel tempo

luglio 25, 2020
Residua instabilità

Residua instabilità

luglio 24, 2020
Ancora instabilità

Ancora instabilità

luglio 23, 2020

Share

About Author

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi