Climatologia Editoriali — 09 ottobre 2018

Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) è il principale organismo internazionale per la valutazione dei cambiamenti climatici. È stato istituito dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e dall’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) nel 1988 per fornire al mondo una visione scientifica chiara sullo stato attuale delle conoscenze nel cambiamento climatico e sui suoi potenziali impatti ambientali e socio-economici.

Relazione speciale dell’IPCC del 08/10/2018

I risultati:

Alla Conferenza mondiale sul clima ( COP21 ) del 2015 , gli Stati si sono impegnati a limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 ° C rispetto ai livelli preindustriali e a proseguire i loro sforzi per limitare il riscaldamento globale. La comunità scientifica internazionale, attraverso l’ IPCC , l’Intergovernmental Panel on Climate Change, è stata incaricata di valutare la fattibilità di questo obiettivo di limitare il riscaldamento globale inferiore a 1,5 ° C e stimare gli impatti associati.
Questo lavoro è stato oggetto di un rapporto speciale , il cui sommario esecutivo è stato rilasciato lunedì 8 ottobre in Corea del Sud.
In termini di contesto globale, l’IPCC indica che nel 2017 il riscaldamento globale ha raggiunto + 1 ° C (+/- 0,2 ° C) rispetto al periodo preindustriale e che le emissioni di gas serra di origine l’antropogenico causa un aumento medio della temperatura mondiale di circa 0,2 ° C per decennio. A questo ritmo, la soglia di riscaldamento di 1,5 ° C dovrebbe essere raggiunta entro il 2040.

Un simile aumento della temperatura ha gravi conseguenze per il clima globale: ondate di calore e forti piogge potrebbero essere più frequenti in molte parti del mondo e periodi di siccità più frequenti in altri luoghi. Le calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartico potrebbero essere destabilizzate, con un possibile massiccio innalzamento del livello del mare.
Se il riscaldamento dovesse essere ancora più pronunciato per raggiungere i 2 ° C, per esempio, le conseguenze per gli ecosistemi più fragili, l’innalzamento del livello delle acque e l’accesso all’acqua e alle risorse alimentari per gli abitanti delle regioni insulari e subtropicali sarebbero ancora maggiori.

Come limitare il riscaldamento a 1,5 ° C?
I contributi nazionali proposti durante l’accordo di Parigi non consentiranno di limitare il futuro riscaldamento globale al di sotto dei 2°C entro la fine del secolo. Per limitare il riscaldamento a 1,5 ° C, dobbiamo ridurre drasticamente le emissioni di gas serra (CO2, metano …). Più importanti e precoci sono queste riduzioni, maggiori sono le possibilità di limitare il riscaldamento a 1,5 ° C. Scenari coerenti con il riscaldamento a 1,5°C richiedono di ridurre le emissioni nette a zero nella metà del secolo e di ricorrere pesantemente alle “emissioni negative”, come la bioenergia con cattura e sequestro del carbonio.

A cura di Centra Massimo 

Share

About Author

Massimo Centra

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi