Editoriali Slider — 08 ottobre 2018

La stagione che scorre a colpi di gocce fredde o di infiltrazioni che minano temporaneamente il campo barico non corrisponde, certamente, all’idea di un autunno piovoso in modo generalizzato e con perturbazioni atlantiche vere. Tutto questo è legato ad un anticiclone arrendevole solo per metà, e che tiene ancora banco sino alle latitudini medie del continente. Di conseguenza le spinte atlantiche producono infiltrazioni che si incuneano nell’anticiclone e che poi residuano in cut-off o cicloni mediterranei. Il ciclone delle ultime ore è quello che, per come indicato nella simbologia colore viola (linea corrispondente ad una isoipsa di riferimento e circolazione depressionaria disposta tra iberia e baleari), a differenza del suo predecessore, va assumendo moto retrogrado, evitandoci. Una tale direzione non è poi così strana, ed anzi, è fisiologica nel contesto di situazioni stagnanti o slegate dal forcing zonale. Il medesimo è destinato ad essere risassorbito dal flusso atlantico e dalla nuova configurazione che va delinenadosi in oceano, quale elemento di richiamo, non solo per detta circolazione, ma anche del residuo di una tempesta tropicale (vedi piccola depressione a sud delle azzorre). Un cambio generale, quello indicato, che, però, non annulla completamente le possibilità del sub-tropicale giacchè corrisponde ad un affondo in pieno oceano destinato a riconfigurare il flusso occidentale lungo una direzione da sud-ovest, si minacciosa per il mediterraneo ma anche ispiratrice per rimonte dello stesso ramo africano. Quanto prevarrà detta rimonta rispetto alla spinta depressionaria oceanica non è ancora chiaro e lo vedremo. Evidentemente, però, sussiste la possibilità che detto flusso sud-occidentale instabile, in attesa di una ulteriore temporanea rimonta a muro del sub-tropicale, possa, nel breve-medio termine, lambire le nostre regioni occidentali più estreme. Il disegno, esclusa la simbologia viola prima menzionata e rappresentativa della situazione attuale, delinea la situazione in quota (con la isoipsa di riferimento colore rosso) prevista in dirittura del fine settimana, quando, per come detto, le possibilità di una temporanea rimonta africana lungo l’europa occidentale con, addirittura, conseguente, seppur debole o moderata, ritornante continentale, non sono del tutto da scartare…

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi