Editoriali — 04 giugno 2016

La stagnante azione ciclonica euro-mediterranea delle alluvioni sul centro del continente va attenuandosi per fisiologico colmamento e tendenza a lento trasferimento verso levante. Il percorso del jet stream rimane peraltro contrario a possibilità di rimobilizzazioni zonali degne di nota ma la configurazione barica tende comunque ad evolvere e ad evolvere in favore di una rimonta del sub-tropicale destinata a modificare radicalmente, nel corso dei giorni, la situazione attuale. L’onda positiva, rapida nella sua crescita meridiana, e in sviluppo alla longitudine dell’europa centro-occidentale, può regalare un moderato miglioramento del tempo e senza il rischio di particolari ondate di calore. Il disegno, che si riferisce alla situazione di metà settimana, evidenzia infatti un profilo che per il mediterraneo è sinonimo di tempo di margine e di nord-ovest, buono ma non completamente esente da motivi di instabilità, in primis su zone interne appenniniche ed adriatico. In ogni caso poi, l’eventuale rischio di ondate di calore è ulteriormente scongiurato da un trend dinamico che, nei giorni immediatamente successivi e del fine settimana, tende a mobilizzare la depressione oceanica ed a riallineare le correnti in senso zonale, con un rinforzo delle azzorre in pieno atlantico e con la tendenza allo svilupppo di un moderato cavo d’onda sul mediterraneo settentrionale. La linea rossa segue il profilo dell’onda anticiclonica di metà settimana mentre la linea blu e la freccia stanno proprio ad indicare la suddetta evoluzione successiva, tutta orientata a percorsi di matrice atlantica…

megaMFlash

 

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(1) Reader Comment

  1. Cristina Napolitano

    Meglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi