Meteo & Salute — 14 Agosto 2016
Ecco perché…

La gioia dell’estate per molti è anche scorazzare con la propria barca lungo le coste dei nostri mari e in qualche traversata.

Ma anche noto che in barca si rischia di più di scottarsi al sole.

Perché si sommano due circostanze sfavorevoli: in primo luogo la capacità della superficie marina di riflettere i raggi solari incidenti ( e quindi di potenziarne gli effetti) e, in secondo luogo, gli effetti del vento. Quest’ultimo infatti da un lato fa evaporare il sudore ( e il sudore contiene un fattore naturale di protezione chiamato urocranico), dall’altro contribuisce alla disidratazione dell’epidermide. Per tali motivi i marinai  (così come i maestri di sci) sono le persone che meglio rendono l’idea di una pelle seriamente danneggiata dal sole (photoaging).

Una scottatura può dare reazioni molto intense sia a livello locale ( estremo rossore, bolle, vesciche) sia generale ( febbre, spossatezza, brividi). Ma cosa fare se ci si scotta? Nei casi più gravi è bene rivolgersi al proprio dottore. Negli altri casi i medici raccomandano di assumere un’aspirina o un preparato antistaminico (per bocca), evitare assolutamente l’applicazione di creme antistaminiche (causano fotodermatiti e irritazioni), applicare invece creme contenenti ossido di zinco o, se il prurito è intenso, una crema al cortisone ( che calma l’infiammazione). Ovviamente bisogna evitare il sole fino a quando l’eritema non si è risolto.

Fonte: www.meteogiuliacci.it13731466_10210146166113877_6054965743310307552_n%20(1)

Share

About Author

fabio porro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi