L’Estate degli anomalie termiche e precipitative è arrivata al traguardo (con il 1° Settembre convenzionalmente l’autunno meteorologico), e il passaggio alla nuova stagione sta portando un cambio circolatorio molto vistoso. La fine del caldo sarà sancita nelle prossime ore dal transito di una perturbazione atlantica, la prima dopo molto mesi di assenza, che ha dovuto farsi largo tra le maglie dell’inossidabile anticiclone sub-tropicale, supportato come più volte detto dall’innalzamento di latitudine dell’ITCZ.

Venerdì 1° Settembre focolai temporaleschi hanno già interessato molte zone del Nord, specie settori centro-orientali, localmente accompagnati da grandine e venti tempestosi, raggiungendo tra mattina e pomeriggio il Centro, verso la Campania, mentre al nord-Ovest e tirreniche già le prime schiarite. Instabilità che ritroveremo tra Sabato 2 e Domenica 3 Settembre, con fenomeni che interesseranno maggiormente il Centro, il Nord-Est, versante Adriatico e parte del Sud. Perfino la neve farà capolino sulle Alpi, tra i 1700 e 2000 metri.Quota neve che dipenderà certamente dalle fresche correnti settentrionali, che non risparmieranno nessuna regione.

Menzione importante appunto per le temperature, che mediamente perderanno tra 8-10°C entro Domenica. Farà molto fresco nelle mattinate di Sabato 2 e Domenica 3 Settembre, con valori ad esempio in Valle d’Aosta sotto i 10°C. Tra Lunedì 4 e Martedì 5 Settembre ritroveremo residui fenomeni lungo la dorsale centro-meridionale appenninica. Nel resto della Penisola tempo più stabile e ovunque clima gradevole. Qualche nota instabile lungo la cerchia alpina.

Tra Mercoledì 6 e Giovedì 7 Settembre l’Alta pressione delle Azzorre tenterà una nuova espansione verso la nostra Penisola. “Manovra” che avrà successo solo in parte, valida solo per i due giorni menzionati, al momento in cui scriviamo. L’Alta pressione successivamente tra Venerdì 8 e Sabato 9 Settembre, subirà un nuovo attacco proveniente dal Nord Europa. Piogge e temporali ritorneranno a far visita alla nostra Penisola, per poi dilungarsi fino alla conclusione della Decade. Con l’Anticiclone sub tropicale ormai respinto nei propri territori, l’Alta pressione europea faticherà assai a tenere a bada le perturbazioni atlantiche.

Ricordiamo che si tratta di una stima di tendenza generale, attendibile come indicazione di massima. Occorre aggiornarsi quotidianamente, Seguendo anche le nostre previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona!

Fonte: www.centrometeo.com

Porro Fabio

 

Share

About Author

fabio porro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi