Primavera/Estate 2017 Slider — 15 febbraio 2017
Finalmente le nubi che da giorni “gravavano” al Nord si sono dissolte, segnale che l’Alta pressione oceanica è arrivata.

Alta pressione oceanica che porterà anche ad un rialzo termico notevole, a causa di aria mite veicolata dalla ormai vecchia depressione a ridosso della tra Francia, Portogallo e Spagna.

La circolazione nord orientale la ritroveremo ormai lontana dalla nostra Penisola, facilitando l’intrusione dell’aria mite oceanica.

Temperature che nelle ore più calde del giorno, potrebbero toccare valori tra i 14-15°C in Val Padana.

Sarà solo una breve pausa mite, perché a ridosso del prossimo fine settimana un fronte freddo scivolerà verso l’est Europa.

Il versante Adriatico e le regioni meridionali, saranno i settori interessati da instabilità diffusa.

Nel prosequio? Sarà nuovamente Alta pressione dall’inizio della nuova settimana m con temperature che si saranno, oramai, riportate verso valori più accettabili se riferiti alle medie del periodo.

Attenzione alle Nebbie su Nord e Vallate, locali gelate.

Inverno alla “frutta”? La “bella” stagione (per noi previsori) termina con il 28 febbraio (L’Inverno Meteorologico si distingue da quell “astronomico”). Ciò nonostante vi sono fondate ipotesi, anche statisticamente parlando, per poter affermare che sarà una stagione che, di sicuro, non mollerà la “presa” facilmente volendosi “inoltrare”.. per farsi “largo” anche nella nuova stagione.. che più gli competerà del proprio nome: La primavera.

Fabio Porro

Staff previsionale www.meteoservice.it

Revisore testi e struttura

Nikolas Rossi

Admin & Webmaster

www.meteoservice.it

Share

About Author

fabio porro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi