Editoriali — 05 Novembre 2016

05-11-2016 – Salve a tutti, rapidissimo aggiornamento modelli, alla luce delle peculiari evoluzioni che vengono proposte dalle ultime emissioni, assolutamente in linea con le ipotesi prefigurate nei precedenti editoriali.

In buona sostanza, il blocco freddo che si sta creando a est, nell’Europa orientale e in tutta la Siberia, con valori di snow cover che, per affermazione dello stesso prof. Cohen, li creatore del SAI (Snow Advance Index), non erano mai stati ossrvati negli ultimi anni (dal 1976 per la precisione), sta creando le premesse per la creazione di continui blocchi altopressori alle porte del continente europeo.

Ecco il modello europeo, per venerdì prossimo (168 h), ipotizzare la creazione anticipata di uno sbarramento in sede scandinava, con conseguente dirottamento del flusso atlantico verso il Mediterraneo ed evidente contributo freddo proveniente direttamente dal nord della Russia (fig.1).

fig.1

recm1441

La confluenza tra aria umida e instabile atlantica e aria fredda continentale porrebbe le basi per episodi di maltempo reiterati e neve sui rilievi alpini a quote medio-basse.

A tal proposito, anche il modello americano ipotizza un ulteriore indolimento del VP nel lungo termine, con anticiclone aleutinico che ricompare dallo stretto di Bering a destabilizzare tutta la struttura a scala emisferica (fig.2).

fig.2

gfsnh-0-336

Chiariamo che non si sta parlando del’arrivo del gelo in Italia, quanto di situazioni favorevoli alle precipitazioni e alle nevicate in montagna, su Alpi e Appennini, a quote sempre più basse nel mese di Novembre.

A titolo di esempio, ecco le precipitazioni nevose cumulate previste dal modello americano nei prossimi 15 giorni;la grande neve alle porte, con le Alpi imbiancate totalmente e le regioni del centro europa coperte di neve, oltre naturalmente a tutto il bassopiano russo. Si tratta di un quadro raramente visualizzato da molti anni in questa stagione (fig.3).

fig.3

gfs_asnow_eu_41

Insomma, cari meteo appassionati, seguite gli aggiornamenti, la stagione fredda si annuncia davvero interessante e i primi assaggi, dopo le piogge attuali, li potremmo avere nei primi giorni della settimana entrante, come annunciato già almeno un decina di giorni fa.

Ciao ciao

 

Ilario Larosa   (meteogeo)

Share

About Author

Guido Vercesi

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi