Editoriali Slider — 30 giugno 2018

Le incertezze di inizio estate, marcate da una espansione dell’anticiclone atlantico in direzione delle isole britanniche, rappresentano una storia che tende ad evolvere verso forme di maggiore stabilità. La conseguente area ciclonica sull’europa dell’est, in grado di influenzare l’area mediterranea orientale, e tuttora tenuta in vita da un disegno che vede un’area anticiclonica sulla parte settentrionale del continente, tende, comunque, gradualmente, a confinarsi sempre più a levante. La contemporanea presenza di vorticità stazionaria a ridosso dell’iberia può, allora, fare spazio ad una certa affermazione del promontorio africano, per quanto non così energico (situazione attuale simboleggiata dalla isoipsa di riferimento e dalla freccia colore viola). Inevitabile, pertanto, una prossima fase estiva e con temperature in rialzo, segnatamente su isole e versante tirrenico del centro-sud. Occorre, però, ammettere, che, e per fortuna, lo stesso promontorio africano, tenuto sulla corda da una certa intraprendenza del forcing occidentale, non sembra destinato ad affermazioni energiche e durature. Il medesimo può, effettivamente, trovare il modo di conquistare il mediterraneo centro-meridionale, per poi, a seguire e dopo alcuni giorni, cedere il posto ad un corso dettato dalle azzorre e da contemporanee infiltrazioni in quota nord occidentali. Il disegno generale illustra la situazione prevista in quota a metà settimana, mostra quello che è diventata l’isoipsa di riferimento (di colore rosso) con il vortice iberico in risalita e richiamato dal flusso ovest-est delle medie latitudini, e la tendenza (freccia rossa) dell’anticiclone oceanico ad espansione verso ovest e verso nord-est. Una evoluzione, la suddetta, che può delineare una fase di inizio mese non completamente estranea alla possibilità di infiltrazioni settentrionali ed occidentali, e, dal punto di vista della influenza anticiclonica, altrettanto di matrice atlantica…

Pierangelo Perelli

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi