Editoriali Slider — 06 dicembre 2018

I sogni freddi, in parte, sono destinati a rimanere tali. Ma non è una novità. Il che non significa affatto che non avremo il cambio stagionale in senso invernale di inizio seconda decade. Significa semplicemente che non avremo nessuna azione fredda duratura e di blocco, per come auspicato dai freddisti. Avremo, piuttosto, una di quelle evoluzioni tipiche ed abbastanza frequenti in inverno, che vedono l’aria fredda dell’est o del nord-est, muovere in retrogressione, determinare una certa fase fredda anche in mediterraneo, e poi venire riassorbita dal contesto zonale. Di fatto, per l’inizio della seconda decade del mese, si confermano il rialzo barico in atlantico verso l’islanda e il movimento deciso di una bella saccatura artico-continentale verso l’europa sud-orientale e poi l’europa centrale, ma si evidenziano anche gli elementi di uno sbarramento a ovest piuttosto flebile e, pertanto, favorevole ad un rapido riequlibrio in senso zonale dei flussi. La configurazione delle correnti in senso orizzontale (easterlies alle alte latitudini e westerlies alle medio/basse latitudini) segna, infatti, l’orientamento della fascia depressionaria auro-atlantica dall’oceano all’europa orientale, e, pertanto, nella direzione avversa alle possibilità fornite da blocchi e configurazioni meridiane. Il disegno, riferito alla situazione di metà settimana prossima, simboleggia quanto detto, mostra la rotazione antioraria dell’asse dell’area fredda e ciclonica in quota, e mostra il ricongiungimento della medesima con l’area ciclonica oceanica, ad indicare, oltre alla evoluzione nella direzione delle correnti da ovest o nord ovest, anche la possibilità, che in quella fase di transizione tra il freddo continentale e l’aria atlantica, possano determinarsi le condizioni di scorrimento favorevoli a precipitazioni nevose anche in pianura sul nord-italia (possibilità non certa ma, almeno per una fase temporanea, non da escludere)…

Pierangelo Perelli

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi