Cicli Solari — 10 Luglio 2013

 

 

UN’ALTRO MAXI BUCO CORONALE PROSSIMO AL POLO NORD DELLA STELLA

UNO CHE SE NE VA E UN’ALTRO CHE ARRIVA (freccia in alto a sinistra).

Ormai non si tratta più di episodi isolati,ma di una tendenza ormai consolidata.

Cosa significa vedere molte CHs prossime al polo?
Significa che almeno per il nord emisfero il ritorno alla fase di quiete magnetica e’ molto vicino.
Le CHs si comportano esattamente come le macchie solari e cioè in fase di max si posizionano sull’ equatore solare,mentre viceversa,nella fase di min si posizionato sui poli.

Nel sud emisfero invece le CHs mantengono una posizione alta: pertanto la porzione sud della nostra stella e’ al culmine della sua attività magnetica.

Lo sfasamento dei 2 emisferi e’ una delle caratteristiche salienti di questo ciclo solare.
Ma forse non è un caso.
Da alcune mappe risalenti alla fine del 600,veniva disegnata la nostra stella con punti neri solo nella parte bassa,mentre su quella alta non venivano riportate macchie.
Possibile che il sole si stia comportando allo stesso modo di oltre 300 anni fa?
Tanti indizi ci conducono sualla stessa strada e cioè di un sole ‘azzoppato’ proprio come accadde nel minimo di Maunder (1645_1715).
In quegli anni gli inverni erano rigidissimi…….

Buona sera

Giorgio

Share

About Author

Daniele Baroni

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi