Autunno 2017 Slider Terremoti — 19 gennaio 2017

La neve e le forti scosse di terremoto tengono in ginocchio il Centro Italia, con paesi sommersi dalla neve e valanghe causate con tutta probabilità dagli eventi sismici. La situazione più grave a Farindola, in provincia di Pescara, i soccorritori stanno cercando di entrare nell’hotel Rigopiano travolto ieri da una valanga. Secondo le prime informazioni nella struttura c’erano una trentina di persone. Attorno alle 9,30 i soccorritori hanno estratto dalla neve la prima vittima. L’albergo sarebbe stato distrutto dalla neve. La valanga di dimensioni importanti sarebbe venuta giù in un tratto boschivo e per questo particolarmente violenta e avrebbe investito auto, bestiame e l’albergo, spostandolo di una decina di metri. Due persone che si trovavano all’esterno sono state messe in salvo. Sono state loro a dare l’allarme ieri sera. Una delle due persone è in stato di ipotermia. Le sue condizioni sono definite serie, ma non sarebbe comunque in pericolo di vita.

Soccorsi difficili, ambulanze bloccate dalla neve

l mezzi di soccorso, comprese le ambulanze, diretti all’hotel Rigopiano sono bloccati a circa 9 chilometri dall’albergo. Nella zona c’è una bufera di neve. La neve caduta, almeno due metri, impedisce di proseguire. Al momento stanno raggiungendo l’hotel i soccorritori del vigili del fuoco portati con l’elicottero e un mezzo cingolato dei vigili che può caricare fino a 8 persone. I primi ad arrivare nella notte sono stati gli uomini del soccorso alpino della guardia di Finanza che hanno raggiunto l’albergo con gli sci e le pelli di foca.

 

avvenire

Share

About Author

Fabio Fornara

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi