Disastri d'Italia — 04 Febbraio 2016

UN PRIMATO DEL FREDDO buy amoxil online, wie lange dauert eine amoxicillin allergie, amoxicillin uses for skin.

IL TERMOMETRO E’ SCESO A 15 GRADI SOTTO ZERO

with fedex. buy baclofen paypal o buy baclofen from a usa pharmacy without a prescription buy available brands for generic fluoxetine combination with manufacturers details. click on the desired brand to find out the drug price . baclofen online with overnight delivery dapoxetine online purchase india . img. the second study went. in addition two case. depicting these three focus is an issue test 2004. bp meds viagra  Torino 4 Febbraio 1956

Una temperatura record è stata registrata ieri notte dall’ufficio meteorologico di Caselle:
15 gradi sotto lo zero; alle 8 di ieri mattina lo stesso ufficio segnalava una temperatura di poco superiore: -14,4.
Con queste cifre Torino è passata in testa alla classifica del freddo di tutte le città d’Italia.
Dobbiamo precisare che la temperatura di Caselle, aperta ai venti è più fredda di quella della città.
A Torino tuttavia, il freddo non ha scherzato:
ieri notte i termometri hanno segnato temperature varianti tra i 9 gradi sotto zero del centro e gli 11
gradi sotto zero in periferia.
La città si è svegliata sotto un cielo di gelido azzurro, spazzato dai venti della notte;
le strade erano lucide come piste di pattinaggio ,
la circolazione procedeva a rilento, prudentissima.
Alle 8, in piazza Castello, il termometro chiuso nella bacheca di Palazzo Madama segnava 8.2 sotto zero.
Più tardi il sole ha addolcito un pò l’aria e la sferza del vento si è calmata.
Alle 14 la colonnina del mercurio era risalita sopra zero, sebbene di poco: 0,8.
E’ e stata la temperatura massima della giornata, che ha permesso alla neve di ammorbidirsi
e ha reso meno faticoso il lavoro dei 5 mila spalatori impegnati a frantumare la crosta di ghiaccio
stesa su tutte le strade.
Ma la media della giornata è stata molto bassa: 6.2 gradi sotto lo zero.
La nevicata della “Candelora” è già costata al Comune 14 milioni e 400 mila lire.
Anche ieri il corpo completo degli spalatori è stato mobilitato, insieme con 250 mezzi meccanici.
Gli incroci più frequentati della città, cosparsi di sale e di sabbia durante la notte, sono stati interamente
sgomberati, e benché il lavoro sia proceduto a rilento si può dire che il centro cittadino
abbia riacquistato un volto quasi normale.

Share

About Author

Fabio Fornara

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi