Meteo Didattica — 21 Agosto 2016
Affidabilità dei modelli prognostici. E’ vero che oltre 3 giorni non sono più affidabili?

Qui di seguito trattiamo il tema affascinante dell’affidabilità dei modelli previsionali fisico-matematici e, in particolare, risponderemo alle  due domande più frequenti  al riguardo:

a.E’ vero che oltre i 3 giorni i modelli non sono più affidabili?

b.E’ migliore il modello europeo ECMWF (European Center Medium Weather Forecast) o il modello americano GFS (Global Forecast System)?

Alla prima domanda rispondiamo che è un  falso luogo comune – spesso avallato anche dagli addetti ai lavori – asserire che oltre i 3 giorni i modelli previsionali del tempo non sono più affidabili.  Insomma non è vero che le previsioni elaborate oltre 3 giorni dai modelli non sono più affidabili.

E’ però vero che i modelli hanno una affidabilità via via più bassa al crescere del periodo al quale è estesa la previsione. Insomma è ovvio che una previsione formulata con i modelli 24 ore prima della scadenza è più precisa di quella formulata 72 ore (3 giorni) prima della scadenza, così come una previsione formulata 72 ore prima della scadenza è ovviamente più affidabile di  quella formulata 5 giorni prima. In particolare, dalla prima figura allegata (riferita al modello di ECMWF)  si riconosce che oggigiorno i modelli fisico matematici hanno una affidabilità quasi del 97% per una previsione a 3 giorni (3d), del 90% per una previsione a 5 giorni, del 75% per una previsione a 7 giorni .

Quindi non si può parlare di mancanza o meno di affidabilità  temporale dei modelli ma di una “diversa” affidabilità a seconda del periodo di validità al quale è estesa la previsione.

Per quanto riguarda la seconda domanda, rispondiamo con la seconda figura ove è riportata la performance del modello europeo (ECM), di quello americano (GFS) e di quello inglese (UKM) , del Canadian Model (CMC) per una previsione a 5 giorni nel periodo 16 luglio-12 agosto 2016.

In media nel periodo considerato, come da tabella allegata all’interno della figura 2,  il modello europeo ECM  ha collezionato l’82 % dei successi (0.828), seguito dal modello inglese UKM con quasi il 79% dei successi (0.789), poi segue il modello americano GFS con il 78% circa dei successi (0.784).

La stessa graduatoria si conferma per la media dei successi su base trimestrale (fig.3).

Ma adesso la sorpresa: ANCHE per previsioni fino  a 3 giorni  (72 ore) il modello GFS è PEGGIORE  del modello europeo ECMWF (fig.4) mentre fino a qualche anno fa si pensava che sulle corte distanze temporali i due modelli fossero equivalenti

Conclusioni

Sia per previsioni a 3 giorni sia per previsioni da 4 a 10 giorni il modello europeo ECMWF  è statisticamente più affidabile di qualsiasi altro.

Sorpresi, vero?

Fonte: www.meteogiuliacci.itClipboard01_156

Share

About Author

fabio porro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi