Editoriali Senza categoria — 04 agosto 2018

Nei prossimi anni il riscaldamento globale e l’inquinamento dell’uomo verso il pianeta lasceranno conseguenze inimmaginabili !

 

Secondo gli esperti, le intense ondate di calore, come quella che ha alimentato i micidiali incendi boschivi in ​​Grecia, saranno più frequenti a livello mondiale a causa dei cambiamenti climatici.
Temperature elevate  sono state registrate nell’emisfero settentrionale nelle ultime settimane, dalla Norvegia al Giappone.
Le estati soffocanti sono la norma in Grecia, dove almeno 82 persone sono morte nei peggiori incendi boschivi del paese.
Ma nell’Europa settentrionale, la recente ondata di calore è eccezionale e l’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) prevede che le temperature continueranno a superare la media stagionale dell’Irlanda verso la Scandinavia e i paesi baltici in questi primi giorni di Agosto.
Luglio è stato il mese più caldo degli ultimi 250 anni in Svezia, dove i pastori di renne  sono stati tra i piu’ colpiti da una siccità senza precedenti e da devastanti incendi boschivi.
Decine di persone sono morte in Giappone in quella che gli esperti hanno definito un’ondata di calore “senza precedenti”.
“In generale, abbiamo ondate di calore in una parte del pianeta”, ha detto Anders Levermann, professore all’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico. “Ma ora abbiamo tutto l’emisfero nord caldo”
È colpa dei cambiamenti climatici?
“Ogni singolo evento è molto difficile da attribuire direttamente all’attività umana”, ha detto l’esperto di clima francese Jean Jouzel. Ma le alte temperature delle ultime settimane “sono coerenti con quello che ci aspettiamo come risultato del cambiamento climatico causato dalle emissioni di gas serra”, secondo Elena Manaenkova, vice segretario generale di WMO.
Uno studio pubblicato nel Bollettino dell’American Meteorological Society ha concluso a dicembre che il riscaldamento globale è stato il solo responsabile delle temperature mondiali record registrate nel 2016, nonché di un’ondata di calore estremo in Asia.
Mentre gli ultimi tre anni sono stati i più caldi mai registrati sulla Terra, “la domanda più importante è: la vedremo più spesso se non riduciamo le emissioni di carbonio?”, Ha detto Levermann. “E questa è la domanda, possiamo rispondere di sì.”
A cura di Centra Massimo

Share

About Author

Massimo Centra

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi