Editoriali — 14 aprile 2018

 

Il declino del ghiaccio artico

Immagini della NASA Earth Observatory (concentrazione e estensione del ghiaccio marino) .
Alla fine di marzo del 2018, gli scienziati del National Data and Ice Data Center (NSIDC) e della NASA hanno riferito che il ghiaccio marino artico aveva raggiunto la sua massima estensione annuale. Ancora una volta, la copertura di ghiaccio era ben al di sotto della media. I quattro massimi più piccoli registrati nel satellite sono tutti avvenuti negli ultimi quattro anni, continuando una tendenza decennale di restringimento del ghiaccio nell’Oceano Artico e nei corsi d’acqua circostanti.

Le estensioni massime e minime annuali di ghiaccio per la regione artica sono diventate sempre più piccole negli ultimi 40 anni e la percentuale di ghiaccio spesso pluriennale si è ridotta considerevolmente. Questo ghiaccio diradamento e in ritirata ha aperto l’Oceano Artico a nuove opportunità, ma anche a gravi preoccupazioni ambientali. Il traffico di spedizione si inserisce in entrambe le categorie.

La mappa qui sopra mostra la concentrazione media di ghiaccio marino artico il 17 marzo 2018, quando ha raggiunto il massimo annuale. Tutte le aree ombreggiate hanno una concentrazione di ghiaccio di almeno il 15% (il minimo al quale i satelliti forniscono una misura affidabile) e coprono un’area totale che gli scienziati definiscono “l’estensione del ghiaccio”. La copertura del ghiaccio ha raggiunto il picco a 14,48 milioni di chilometri quadrati (5,59 milioni di miglia quadrate), il secondo minimo più basso mai registrato e 1,16 milioni di chilometri quadrati (448.000 miglia quadrate) al di sotto della media del 1981-2010. La trama animata sottostante mostra l’estensione del ghiaccio marino artico in ogni marzo dal 1979.

Gli effetti del declino del ghiaccio marino si sono increspati in tutta la regione artica e nel mondo. Piante, animali, plancton e persone sono costretti ad adattarsi alle estati e agli inverni più caldi e ad altre più aperte. Anche gli schemi di circolazione atmosferica e oceanica stanno cambiando, spostando i flussi dei jet e creando condizioni meteorologiche insolite nelle alte e medie latitudini.

Il ghiaccio che sta scomparendo sta anche cambiando l’industria navale. Nell’agosto 2017, una petroliera di nuova progettazione con uno scafo indurito è diventata la prima nave mercantile a navigare attraverso l’Oceano Artico senza l’aiuto di un rompighiaccio. Il Christophe de Margerie ha viaggiato dalla Norvegia alla Corea del Sud in 19 giorni, quasi una settimana più veloce del tradizionale viaggio attraverso il Mediterraneo e il Canale di Suez.

Ci sono voluti solo sei mesi per completare quell’impresa. Nel febbraio 2018, una petroliera che trasportava gas naturale liquido (il pedaggio Eduard ) ha attraversato la copertura ghiacciata d’inverno dalla Corea del Sud al terminal della Sabetta (Russia settentrionale) fino alla Francia.

Questa mappa mostra le visite uniche alle acque artiche tra il 1 ° settembre 2009 e il 31 dicembre 2016. La mappa è stata creata attraverso una collaborazione guidata da Paul Arthur Berkman, direttore del centro diplomazia scientifica della Tufts University e Greg Fiske, un geospaziale analista presso il Woods Hole Research Center . Il team ha mappato e analizzato oltre 120 milioni di punti dati compilati da SpaceQuest , una società che progetta microsatelliti in grado di monitorare i segnali AIS ( Automatic Identification System ) delle tracce dalle navi.

Berkman, Fiske e colleghi hanno scoperto che il centro medio dell’attività marittima si spostava di 300 chilometri a nord e ad est, più vicino al Polo Nord, nel corso dei sette anni. Furono particolarmente sorpresi di trovare altre piccole navi, come le barche da pesca, che si inoltravano nelle acque dell’Artico. Il team ha anche tracciato le tracce di nave AIS contro i dati di ghiaccio marino provenienti dal NSIDC e ha scoperto che le navi incontrano il ghiaccio più spesso e fanno così più a nord ogni anno.

La Russia, la Cina, il Canada, gli Stati Uniti e l’Islanda stanno guidando una flottiglia di nazioni che si preparano a svolgere più attività di spedizione nell’Artico. Il passaggio a nord-ovest attraverso il Canada e la rotta del Mare del Nord, o Passaggio a nord-est, a nord della Russia e della Siberia sono entrambi valutati perché potrebbero ridurre significativamente i tempi di transito tra Asia, Europa e Nord America. Ma gli scienziati e i sostenitori dell’ambiente hanno serie preoccupazioni sull’inquinamento, fuoriuscite di petrolio e disturbi alla vita marina, oltre ad altri possibili impatti. Poi c’è il pericolo per le vite dei marinai che solcano le acque ghiacciate con carte di navigazione scadenti.

Berkman è il coordinatore e il capo investigatore di Pan-Arctic Options , uno sforzo interdisciplinare e internazionale per “sintetizzare la ricerca scientifica naturale e sociale, sfruttare le future attività di pianificazione degli scenari e creare mappe geospaziali, costruendo interessi comuni con opzioni pratiche di governance (senza advocacy) che promuoverà lo sviluppo sostenibile dell’Artico. “Il gruppo di ricercatori e specialisti delle politiche fornisce informazioni oggettive che possono guidare la collocazione di infrastrutture e la gestione di attività come la ricerca e il salvataggio e la risposta all’inquinamento.

Se l’acqua artica aperta è un vantaggio per la spedizione, rimane cattive notizie per l’ambiente artico come lo abbiamo conosciuto. “La copertura di ghiaccio marino artico continua ad essere in una tendenza decrescente, e questo è collegato al riscaldamento in corso dell’Artico”, ha detto Claire Parkinson, scienziata del clima presso il Goddard Space Flight Center della NASA. “È una strada a doppio senso: il riscaldamento significa che meno ghiaccio si sta formando e più ghiaccio si scioglierà. Ma anche perché c’è meno ghiaccio, meno radiazioni solari vengono riflesse dalla Terra, e questo contribuisce al riscaldamento “.

 

Fonte :

https://visibleearth.nasa.gov/view.php?id=91981

A cura di Centra Massimo

Share

About Author

Massimo Centra

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi