Editoriali — 21 Dicembre 2018

I cambiamenti previsti nell’atmosfera superiore al Polo Nord durante la fine di dicembre potrebbero avere un impatto sul vortice polare , che potrebbe innescare focolai di aria artica su parti dell’emisfero settentrionale durante i mesi di gennaio e febbraio.
La stratosfera è la parte dell’atmosfera che si estende da 6 a 32 miglia dal suolo.

Gli eventi di riscaldamento stratosferico improvviso (SSW) tendono a indebolire il vortice polare.

Un evento SSW si verifica quando le temperature nella stratosfera diventano anormalmente alte sopra le regioni polari.

Quando il vortice polare diventa distorto, la corrente a getto tende a piegarsi con ampi salti verso sud e rigonfiamenti verso nord.
I rigonfiamenti a nord possono inviare aria al di sopra del punto di congelamento verso il Polo Nord. Allo stesso tempo, l’aria artica viene spinta verso sud mentre i lobi del vortice polare si sviluppano più a sud.
Le dilagazioni artiche possono raggiungere l’Europa centrale e meridionale, l’Asia centrale e gli Stati Uniti, ma non di solito tutti e tre contemporaneamente. A volte l’ aria artica prende di mira l’Europa o l’Asia anziché gli Stati Uniti.
Ogni evento SSW si svolge in modo diverso in quanto non c’è sempre una risposta immediata nei livelli più bassi dell’atmosfera.
A volte, non c’è modo di dire con certezza quale continente (o parte) di un continente sarà interessato fino a quando la dilagazione non sarà sul punto di accadere.

A cura di Centra Massimo

Fonte AccuWeather

Share

About Author

Massimo Centra

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi