Buon pomeriggio, l’Italia in questi giorni è stata divisa tra zone con temperature abbastanza elevate e zone che hanno subito temporali violentissimi che però non sono nemmeno riusciti ad abbassare con decisione le temperature, tanto che molti si chiedono quando possa cominciare una frenata a questa calura. La risposta è che in atmosfera avremo un tentativo di cambiamento più incisivo che inizierà già nelle prossime ore, se guardiamo il satellite

 

Immagini live dell’Europa dal satellite  Fonte: meteociel.fr

 

notiamo che la bolla anticiclonica nella quale è immersa buona parte d’Italia sta venendo “schiacciata” da ovest, dove il moto antiorario delle nubi segnala l’ingresso di aria instabile oceanica. Questo flusso nettamente più fresco sfonderà a breve, ciò comporterà una serie di cose: rotazione dei venti da occidente, calo dei geopotenziali, formazione di un area di bassa pressione al nord Italia e sfruttamento dell’energia termica accumulata nei giorni scorsi.

 

Mappa di mercoledì 28 giugno ore 20:00 dei geopotenziali a 500hpa (circa 5500 metri) del modello americano GFS, notare la bassa pressione di 996 hpa sul Piemonte che si scaverà anche in corrispondenza del suolo, formazioni che assicurano fenomeni violenti in estate Fonte: meteociel.fr

 

Il risultato di tutto ciò non possono che essere temporali per la giornata di mercoledì, saranno molto potenti e comporteranno piogge intense e grandinate con forti raffiche di vento con notevole estensione. In particolare la pioggia interesserà dalla mattinata il nord-ovest fino ad estendersi al Friuli in poche ore, saranno quantitativi ingenti di oltre 100 mm in circa 36 ore nei pressi delle zone alpine come riporta la mappa:

 

Mappa del modello WRF degli accumuli di precipitazione in 36 ore valida da oggi a mercoledì 28 giugno ore 20:00, spiccano gli oltre 100-150 mm in Lombardia Fonte: meteociel.fr

anche le zone della pianura padana rischiano accumuli molto elevati fino al Veneto, con coinvolgimento dei temporali anche dell’Emilia Romagna e dell’alta Toscana. L’interessamento del centro sarà minore in un primo momento, poi nel pomeriggio si creeranno i presupposti per sviluppi nelle interne con sistemi nuvolosi anche portati dal mare, non sono da escludere temporali che coinvolgano anche la capitale in serata. Purtroppo il sud Italia subirà un’accentuazione dell’ondata di calore africana che spingerà aria ancora più rovente da sud a causa della saccatura atlantica. Per adesso mi fermo qui poiché la previsione è talmente complessa che anche a 24 ore i dubbi sono moltissimi e bisognerà monitorare il satellite costantemente, per cui vi invito a restare sintonizzati sui prossimi aggiornamenti e invito a prestare la massima attenzione nelle zone che verranno colpite dai temporali, dove è consigliabile di non uscire di casa durante i fenomeni più violenti, buona giornata.

Share

About Author

Mattia Antonucci

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi