Riportiamo questo articolo che abbiamo trovato in rete, giusto per la vostra curiosità, non è farina del nostro sacco, ma solo una delle tante ipotesi che girano e ve la proponiamo

 

Sembra che quest’anno il trend di raffreddamento climatico alle elevate altitudini si stia ulteriormente accentuando.
Dal 16 agosto il pack artico occupa una superficie di 6,12 milioni di kmq, 1,36 milioni di kmq in più rispetto ad un anno fa“. In effetti, oltre ai ghiacci, le indicazioni più interessanti dal polo nord arrivano per quanto riguarda le temperature.Dal 1958 ad oggi l’Artico non è mai stato così freddo, ed è questo il motivo di questo gran recupero dei ghiacci polari mentre l’Antartide continua ad avere un boom di estensione glaciale, ben superiore rispetto alla media. Indicazioni importanti in vista della sempre più vicina stagione autunnale.

Questo calo sembra essere circa due settimane di anticipo.
Come questa prossima analisi delle temperature superficiali del mare mostra, gran parte della zona è al di sotto dello zero.
Naturalmente nell’acqua di mare, il ghiaccio non si forma fino a quando le temperature scendono al di sotto dei 28,4 ° F (-2 ° C), quindi è vicino ma non ancora prossimo. [Nota: a causa della bassa salinità il mare artico gela a -1.8c ]

La trama non è così diversa dagli anni precedenti, ma non mostra nessun rallentamento:

Il precoce raffreddamento sul mar Glaciale Artico si è concretizzato ancor di più negli ultimi giorni, quando un nocciolo di aria molto fredda, a tutte le quote, si è riversato verso l’Artico canadese e la Groenlandia settentrionale, riportando le prime nevicate autunnali sulle isole attorno Baffin e le coste della Groenlandia settentrionale. Notevoli anche le gelate riscontrate in varie zone, fra Artico canadese e Groenlandia settentrionale, durante il passaggio del nocciolo di aria molto fredda, legato al vortice polare. Su tutti spiccano i -8.3°C registrati a Cape Morris Jesup, nel nord della costa della Groenlandia, e i -7.8°C toccati a Alert, nell’Artico canadese, dopo le prime nevicate autunnali d’inizio settimana, che hanno lasciato accumuli prossimi ai 8-10 cm. Nei prossimi giorni il freddo e le nevicate continueranno ad interessare le isole che costeggiano l’Artico canadese ed il nord della Groenlandia, dove le temperature rimarranno ben al di sotto delle medie stagionali.
Anche gli Stati Uniti in diverse aree sono stati soggetti a un’estate particolarmente fredda con seri problemi per le colture di mais.

Il Corn Belt è una regione degli Stati Uniti medio occidentali dove il mais è stato coltivato principalmente dagli anni 1850 diventandone la coltura dominante, sostituendosi nella zona alla originaria coltura del pascolo.
Dal 1850 il clima è uscito dal periodo freddo della Piccola Età del Ghiaccio (1280-1850, il cambiamento di passaggio dal fatto che prima ci fossero pascoli e successivamente si sia cominciato a seminare mais significa che il clima ha cominciato a farsi più caldo, quindi più favorevole alla semina rispetto a prima.
Dal 1950, il 99% del mais è stato coltivato in forme ibride.
La maggior parte del mais alimenta il bestiame, soprattutto suini e pollame.
Negli ultimi decenni i fagioli di soia vengono sempre maggiormente utilizzati.
Gli U.S.A. producono il 40% della coltura mondiale.
Per illustrare il problema nelle parti del Corn Belt, la Figura mostra la media della Crescita Gradi Giornalieri (GDD) con l’esperienza in Northwest Indiana , abbastanza vicina al centro della regione Corn Belt:

Da dove siamo al momento della corrispondenza in arrivo, segnati sul grafico a 10 ° di agosto, il calore ricevuto dal raccolto di mais inizia rapidamente a scendere.
Di questo passo gli agricoltori si stanno seriamente preoccupando di come il loro raccolto potrebbe finire nel periodo della maturazione.

La stagione è stata più fredda della media dal 15 luglio molto di sotto del normale.
Il Mais tardo seminato negli Stati Uniti è a rischio di gelo nel nord e nord-occidentale Corn Belt a causa del ritardo di sviluppo, secondo Michael Cordonnier, presidente e proprietario della coltivazione di soia e di mais e analista Advisor Inc.
Dovrebbero verificarsi gelate iniziali due settimane prima del normale, il 15 settembre, “avremmo un grosso problema”, ha scritto in un rapporto on-line.
Gelate precoci possono lasciare la resa di mais negli Stati Uniti, il più grande produttore mondiale di grano, a 150 bushel per acro (9,42 tonnellate per ettaro) o meno.
Il Midwest è impostato per avere temperature inferiori al normale attraverso la prima metà del mese di agosto che sarebbe di aiuto all’impollinazione del mais impollinazione, ha detto il previsore DTN in un report.
Se questo modello dovesse continuare oltre l’impollinazione, il raccolto sarebbe vulnerabile a un congelamento anticipato perché il ritardo della piantagione, (causato da un’inverno eccessivamente lungo) l’avrebbe lasciato privo di maturità, dice il DTN.
“Se il raccolto di mais continua a svilupparsi a un ritmo più lento del normale, non ci sarà rischio significativo di gelo per il mais piantato successivamente in Iowa, Wisconsin , Minnesota, Dakota del Sud e del Nord Dakota.”
“Qualsiasi gelata durante il mese di settembre avrà un impatto negativo per il mais negli stati di cui sopra.”
Per una “gelata micidiale” che chiuderebbe la stagione di crescita, le temperature dovrebbero scendere a 27 o 28 gradi Fahrenheit (-2,8 a -2,2 gradi Celsius) per 3-4 ore, secondo Cordonnier.
Temperature di 31 gradi Fahrenheit per un breve periodo avrebbero causato pochi danni, ha scritto.
Nel frattempo sembra che quest’anno l’autunno potrebbe arrivare particolarmente in anticipo.

Il maltempo segna la fine dell’estate, come ogni anno, solitamente nel mese di settembre. Quest’anno però la “bella stagione”, iniziata in netto ritardo e decisamente bizzarra con tanta instabilità e poco caldo, rischia di finire in grande anticipo, già la prossima settimana, a causa di una profonda saccatura proveniente da nord/est che porterà piogge e temporali almeno dal 20 al 25 agosto su gran parte d’Italia, e in modo particolare al centro/sud.
Intanto in Russia forti piogge stanno già portando alluvioni causate dalla tracimazione di un fiume che ha raggiunto il suo massimo storico.

L’area delle zone alluvionate in Estremo Oriente è in costante crescita.
Sott’acqua ci sono 124 insediamenti.
Il livello dell’acqua nel fiume Amur Khabarovsk ha raggiunto il massimo storico – 642 centimetri. L’ultima volta che questo è stato nel 1897.
Le zone dell’inondazione sono la riva sinistra del fiume e la parte dell’isola della città.
Da lì, così come le aree del Amur e la Regione Autonoma Ebraica, sono stati evacuati per un totale di più di 19.000 persone.
Nel frattempo sembra che diverse aree dell’emisfero stiano già segnando temperature insolitamente basse.

Georgia:

Ad Atlanta l’alta temperatura ieri ha raggiunto solo i 73 F (22,8 C), la più bella alta temperatura sul record per il 15 agosto, e di ben 15 gradi sotto la media per questo periodo dell’anno, e di quattro gradi sotto il precedente record di 77 F (25 C ) che è stato istituito nel 1908.

Cina: 

Visualizzazione ingrandita della mappa
Rara nevicata estiva nello Xinjiang
Xinjiang Uygur Regione Autonoma della Cina ha visto una rara esposizione di nevicata estiva Martedì, quando un potente fronte di aria fredda raggiunse la zona.

North Carolina:

La Carolina del Nord, Port City, ha stabilito un record Giovedi, e non uno normalmente associato ad una Carolina d’estate.
Circa 71 F° di temperatura elevata è stata la zona del basso per un 15 agosto e il settimo giorno più freddo nel mese di agosto da quando sono cominciate ad essere tenute le temperature nel 1874, secondo il National Weather Service.
Negli Stati Uniti in generale le temperature estive degli ultimi decenni hanno seguito un trend verso il basso.
Gli Stati Uniti stanno diventando sul lungo termine sempre più freddi.

Riflettiamo. Abbiamo avuto un’inverno eccessivamente lungo e freddo sia negli Stati Uniti sia in Europa, Russia, Cina e Giappone; l’estate è cominciata in ritardo e ora stà finendo in anticipo, davvero abbiamo bisogno di un futuro a base di pannelli fotovoltaici in una tendenza ad anni sempre più freddi?

 

 

FONTE

Share

About Author

Daniele Baroni

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi