Editoriali Slider — 20 novembre 2017
L’illusorio (per i freddisti) episodio invernale dei giorni scorsi, si intenso per il periodo ma anche assai fugace, se n’è andato rapido facendo spazio alla debole persistenza di un cut-off sul meridone e poi ad un trend dalla connotazione delle regressioni stagionali.

L’attesa di una possibile nuova irruzione, inquadrata giorni fa proprio in corrispondenza dell’inizio della settimana, si è dissolta assai presto, di fronte a forecast successivi decisamente orientati nella direzione delle possibilità dell’alta pressione. La medesima, in affermazione tra Spagna e Mediterraneo, spinge, infatti, l’irruzione suddetta ben a distanza in direzione dell’europa sud-orientale, e consolida, sullo stesso mediterraneo, un contesto anticiclonico ed un flusso occidentale o sud-occidentale mite, certamente ben lontano da visioni di freddo invernale.

Il disegno raffigura la situazione prevista in quota a metà settimana e mostra, chiara, una configurazione a moderato promontorio con l’ennesimo affondo in pieno oceano. Un siffato contesto, leggi pattern simil WR3, vede il classico profilo rossby associato a bassa in oceano, che non promette mai sconquassi settentrionali. Per questi ultimi occorre attendere e verificare, nei prossimi giorni, se l’immagine previsionale di un totale “reverse” di fine mese (simboleggiato dalle linee e previsto nella ultima emissione di ECMWF), può acquisire consistenza al fine di corrispondere all’agognato blocco Azzorriano…



Share

About Author

Pierangelo Perelli

(1) Reader Comment

  1. Denis Dri

    ma si sapeva.. è stato un bluff questa effimera fase di semi-freddo e brutto tempo limitato ad alcune zone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi