Paganella — 16 Dicembre 2013


IN UN PAESINO DELL’ABRUZZO IL TERMOMETRO E’ SCESO A -36

Pescara 18 Febbraio 1956

A memoria d’uomo la colonna di mercurio del termometro non è mai scesa, negli Abruzzi e Molise, a 31 gradi sotto lo zero, come si è registrato oggi in località Ottomila, nei pressi del Parco Nazionale d’Abruzzo, in provincia dell’Aquila.
Nel piccolo paese per tutta la notte non si è dormito; tutti erano preoccupati allorchè la colonna di mercurio toccò i -20 gradi centigradi.
Fasci di legna vennero accesi all’ingresso delle stalle per riscaldare gli ambienti e per tenere lontani i lupi.
Nelle case il fuoco venne continuamente alimentato e nessuno andò a dormire, neppure i bambini per timore che nel sonno fossero colti da assideramento.
Il veterinario del luogo, dopo aver controllato il suo termometro, informò i contadini e i montanari che il mercurio era sceso a -30 gradi e non accennava a fermarsi.
Verso le 3 del mattino, infatti, si ebbe la punta minima: 36 gradi sotto lo zero.
Tale temperatura durò mezz’ora, e poi il mercurio risalì a -31°, e così rimase fino a giorno.
Gli abitanti di ottomila hanno vissuto momenti drammatici.
L’acqua non usciva dalle fontane, le vasche e gli abbeveratoi si erano trasformati in un blocco di ghiaccio.
 

 

Share

About Author

Daniele Baroni

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi