Climatologia — 04 Maggio 2016

Farà sempre più caldo per lavorare in alcune ore della giornata. Il riscaldamento globale sta abbassando la produttività di 4 miliardi di persone.

(Rinnovabili.it) – I lavoratori agricoli e delle fabbriche si trovano ad affrontare sempre più difficoltà legate alle ondate di calore che aumentano con il riscaldamento globale, incidendo sulla loro salute e produttività. È l’allarme contenuto nel nuovo rapporto delle Nazioni Unite.

Le perdite di produttività potrebbero crescere, in termini economici, fino a 2 trilioni di dollari entro il 2030. In particolare, colpiranno le persone che lavorano all’aperto, costrette a rallentare il ritmo in seguito all’aumento delle temperature, prendersi pause più lunghe e concentrare gli sforzi nelle ore più fresche della giornata, cioè all’alba e al tramonto.

Gli effetti di stress da calore causati dal riscaldamento globale, sono già evidenti tra i 4 miliardi di persone che vivono nelle zone tropicali e subtropicali, spiega il rapporto, redatto a quattro mani dall’Organizzazione mondiale della sanità (WHO) e l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

In Africa occidentale, il numero di giorni molto caldi ogni anno è già raddoppiato dal 1960. Matthew McKinnon, il capo del Climate Vulnerable Support Forum delle Nazioni Unite, ha espresso al Guardian le sue preoccupazioni, emerse dopo il recente viaggio in Ghana: «Gli insegnanti lamentavano il troppo caldo per insegnare ai bambini dentro aule che non hanno l’aria condizionata. I bambini erano esausti. Abbiamo incontrato camionisti che lamentavano il sensibile aumento dei tassi di esplosione degli pneumatici a causa del calore. Gli agricoltori erano molto preoccupati di dover trascorrere troppo tempo in campo aperto nella stagione calda».

I problemi di salute legati all’aumento delle temperature hanno anche una dimensione di genere, poiché colpiscono gli uomini che svolgono lavori pesanti e le donne incinte costrette a lavorare per motivi economici, soprattutto nelle zone rurali.

Anche se l’accordo di Parigi riuscisse a limitare il riscaldamento globale a 2 °C, nei Paesi più vulnerabili si perderanno comunque il 10-15% delle ore di lavoro diurne entro la fine del secolo, annuncia lo studio.

Il documento chiede misure urgenti quali l’accesso garantito all’acqua potabile nei luoghi di lavoro, frequenti pause e una protezione del reddito e delle condizioni dei dipendenti.

Share

About Author

fabio porro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi