Riportiamo solo per dovizia di cronaca, secondo voi sarà vero? per noi sono le solite cose trite e ritrite vecchie di anni, che ogni tanto vengono riportate solo per attirare qualche click…

comunque ecco l’articolo

livelli di radiazione hanno raggiunto un livello record in uno dei reattori nucleari di Fukushima gravemente danneggiati dal terremoto e tsunami che nel 2011 ha colpito il Giappone.

I valori del reattore numero 2 della centrale nucleare di Fukushima Daiichi sono così alti che minacciano di distruggere la sonda utilizzata per monitorare il sito mentre è in fase di smantellamento. I livelli di radiazioni sono i più alti mai avuti in 6 anni e il pericolo è serio.

La società che si occupa dello smantellamento della struttura, la Tokyo Electric Power (Tepco), ha riferito che il reattore numero 2, uno dei tre reattori gravemente danneggiati, mostra un livello “inimmaginabile” di gran lunga superiore al record precedente di 73 sievert/ora (Sv/h). Il valore di radioattività è di 530 sievert/ora è enorme. Per comprenderlo basta considerare che 1 sievert/ora è sufficiente a causare nausea e danni all’organismo; 5 sievert/ora uccidono entro un mese nel 50% delle persone esposte e 10 sievert/ora sono fatali in poche settimane.

 http://zapping2017.myblog.it/2017/04/27/a-fukushima-il-reattore-n-2-sta-salendo-a-un-livello-inimmaginabile-di-radiazioni-e-un-pericolo-per-lintera-lumanita-perche-non-ci-fanno-sapere-niente/

Dopo il  triplo crollo catastrofico della centrale nucleare di Fukushima nel 2011, il governo giapponese e la società che gestiva la struttura, la Tokyo Electric Power Company (TEPCO), hanno lavorato per coprire il danno fatto e minimizzare la quantità di radiazioni che il disastro aveva rilasciato nell’ambiente. Anche se molti impatti del disastro sono stati sospettosamente assenti dai resoconti dei media, la radiazione dei reattori danneggiati non ha mai smesso di fuoriuscire in tutti questi anni. Fino ad oggi, 300 tonnellate di acqua radioattiva contaminata, usata per il raffreddamento dei reattori ed evitare l’esplosione, sono state riversate ogni giorno nell’Oceano Pacifico dato che molte delle perdite non può essere sigillato a causa del calore estremo.

A dicembre 2016, ovvero pochi mesi fa, è stato reso noto ufficialmente che la radiazione di Fukushima, in particolare il cesio 134, è stato rilevato sulle coste del pacifico degli USA, segnando una nuova era pericolosa per i residenti e la fauna selvatica lungo la regione costiera del Pacifico.

La TEPCO ha anche mostrato l’analisi delle immagini del reattore numero 2 che rivela un buco sul reticolo metallico sotto il recipiente a pressione dello stesso reattore. Il buco, largo un metro, è stato probabilmente creato dal combustibile nucleare fuso e poi penetrato dal recipiente e gli altissimi livelli di radiazione rendono difficile ogni operazione.

La TEPCO  ha quindi intenzione di inviare all’interno del reattore un robot telecomandato che è progettato per sopportare l’esposizione a un totale di 1.000 sieverts, e che potrebbe sopravvivere per meno di due ore prima di rompersi.

L’azienda ha riferito che le radiazioni non escono al di fuori del reattore numero 2. Nel mese di dicembre, il governo giapponese ha comunicato inoltre che il costo stimato della disattivazione della centrale e la decontaminazione della zona circostante, così come il pagamento dei risarcimenti e lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi, era salito a 21.5tn yen (180 miliardi di euro), quasi il doppio della stima rilasciata nel 2013.

Ai cittadini giapponesi è stato detto che non c’era nulla di cui preoccuparsi, nonostante il fatto che i tassi di cancro negli ultimi 6 anni sono aumentati esponenzialmente. Il vero e non dichiarato pericolo è quello della bio-accumulazione. La bio-accumulazione si riferisce al graduale accumulo nel tempo di sostanze chimiche in un organismo, che assorbe la sostanza a un ritmo più veloce di quello che viene escreto. Ora, che la radiazione di Fukushima ha raggiunto gli Stati Uniti, anche coloro che vivono sulla costa occidentale o consumano pesce da quella regione potrebbero essere a rischio dato che il cesio consumato rimarrebbe nel corpo, causando continuamente danni fino a quando non viene escreto.

 

http://zapping2017.myblog.it/2017/04/27/a-fukushima-il-reattore-n-2-sta-salendo-a-un-livello-inimmaginabile-di-radiazioni-e-un-pericolo-per-lintera-lumanita-perche-non-ci-fanno-sapere-niente/

Share

About Author

Daniele Baroni

(4) Readers Comments

  1. Non è vero che non “ci fanno sapere niente”.
    E’ che la gente per pigrizia non vuole nè tenersi informata, nè intervenire nelle questioni.

  2. Meteoservice.net: è TEMPO di cambiare

    Roberto Jezek: ci fa piacere che le leggi… ad ogni buon modo, se davvero avessi letto (e non ci si scommettirebbe da come argomenti) avrai notato, in apertura: 1 – L’articolo è riportato e non nostro… 2 – questa scritta: “Riportiamo solo per dovizia di cronaca, secondo voi sarà vero? per noi sono le solite cose trite e ritrite vecchie di anni, che ogni tanto vengono riportate solo per attirare qualche click…”Grazie dell’ intervento e buona serata anche a te 😉

  3. Matteo Burchiellaro

    Notizia priva di ogni riscontro, puro sensazionalismo. Tristezza infinita

  4. Roberto Jezek

    Le vostre informazioni sono le peggiori e senza nessun riscontro!!neppure il blog di grullo arriva così in basso!???

Rispondi a Meteoservice.net: è TEMPO di cambiare Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi