Previsioni medio/lungo termine — 29 Novembre 2016
In arrivo due ondate di freddo intenso molto ravvicinate. Anche neve. Poi il vortice polare abbandonerà l’Europa. Fino a quando?

Come abbiamo evidenziato in vari articoli, le ondate di freddo più intense dipendono dalle vicende invernali del  vortice polare (VP), la fucina dell’aria artica.

Quando Il VP viene sloggiato (“splittato”) dal circolo polare artico verso l’Europa, dall’aria più calda stratosferica (tra 20 e 50 km)  dell’anticiclone siberiano – magari con la complicità  di una promontorio caldo di alta pressione proteso fino al polo Nord da parte dell’anticiclone del Pacifico – allora il VP dà  luogo ad colata di aria artica verso il Continente.

E’ quello che è avvenuto negli ultimi 2-3 giorni, visto che il vortice polare ha ormai raggiunto tutto il Nordest europeo.

Poi il 28 novembre, raggiungerà anche i Balcani e le regioni adriatiche per poi propagarsi tra il 29 e il 30 a tutta l’Italia (mappa del 29 novembre).

Ci saranno ovviamente anche nevicate fino a quote molto basse.

Tra l’1 e il 3 dicembre il VP di ritirerà dai Balcani ma insisterà ancora sull’Est europeo con nevicate diffuse.

Poi, tra il 4 e il 5 dicembre , nuovo allungamento del VP fino ai Balcani e da qui al Centronord dell’Italia ma con fenomeni più contenuti rispetto all’ondata del 28-30 novembre.

E poi?

Il  VP e il suo carico di aria  artica cominceranno a spostarsi verso l’Asia. per una intrusione dell’anticiclone freddo canadese, anche lui caldo nella stratosfera, anticiclone generato dall’intenso innevamento avvenuto anche sul Nord America, anche se non ai livelli record dell’area euro-asiatica.

Poi Il VP seguiterà a ruotare da Ovest verso Est fino a raggiungere il Nord America intorno al 13 dicembre (mappa), sotto la spinta dell’anticiclone freddo generato dall’innevamento sulla Groenlandia e sulla Scandinavia, anticiclone anche lui caldo a livello stratosferico. Sarebbe la prima ondata di freddo intenso anche per il Nord America

Ma, stante il notevole ulteriore innevamento che si verificherà tra il 28 novembre e il 9 dicembre sull’area Euro-siberiana (“neve chiama neve”!), possiamo essere quasi certi che il VP prima di Natale tornerà ancora in Europa fino a medio-basse latitudini.

Fonte: www.meteogiuliacci.itvor133

 

Share

About Author

fabio porro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi