Editoriali — 02 Gennaio 2017
Confermate altre 2 sconfinamenti del vortice verso le medio-basse latitudini sull’Europa e fino all’Italia. Dopo il 10 gennaio sarà invece al volta del Nord America

Come abbiamo più volte evidenziato in altri articoli, in inverno le  più importanti  ondate di freddo sono portate dal gelido vortice (ciclone) polare, costretto ad uscire oltre il circolo polare da intrusioni di robusti anticicloni freddi generati dalla lunga permanenza dio masse d’aria al di sopra delle superfici innevate  delle Alte latitudini.

Ma perché per prevedere l’arrivo di ondate di freddo si chiama in ballo il vortice polare?

Ebbene per 2 motivi:

  • Da una parte  perché è appunto il serbatoio di aria fredda;
  • In secondo luogo perché la posizione del vortice polare stratosferico è il migliore indice precursore dello “splitting” del medesimo verso più basse latitudini perché i modelli riescono a prevedere con maggiore precisone l’evoluzione della circolazione stratosferico, ovvero lontano dai disturbi  (flussi calore, e vapore; barriere orografiche) tipici nei primi 5-10 km (troposfera).

La fig.1 mostra i 3 lobi in cui è attualmente frantumato il vortice polare stratosferico. Uno di questi è quello che sta portando, dal 29 dicembre,  freddo, neve  e vento su Abruzzo, Molise  e al Sud.

Nell’animazione allegata QUI  relativa alla posizione del vortice polare a 20 km di quota fino al 12 gennaio, sono evidenti altre due irruzioni del vortice  fino alle medio-basse latitudini sull’Europa (in blu): una intorno al 3 gennaio, una seconda intorno all’8 gennaio.

Poi tra il 10 e il 12 gennaio il vortice si  traferirà sul Nord America con il suo carico di aria fredda. Ma vi sono buoni motivi, come l’innevamento record sul compianto euro-asiatico,  per credere che ritornerà presto sull’Europa,

L’animazione è derivata dalle medie di ensemble del modello americano GFS

Fonte: www.meteogiuliacci.it

Share

About Author

fabio porro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi