Disastri d'Italia — 20 Settembre 2016

TRECATE – Due querele sono state presentate in data 7 marzo alla caserma dei carabinieri di Trecate perchè vengano inoltrate alla Procura della Repubblica.

Sono firmate da un cittadino trecatese residente in via Verra.

Una è stata sporta nei confronti della società Agip “che – si legge nel testo – per imperizia e non curanza dei propri dipendenti e per l’uso di attrezzature inidonee, ha provocato danni per decine di milioni alla casa e all’adiacente proprietà, incurante di alleviare immediatamente, nè col passare dei giorni i disagi provocati, al sottoscritto e alla di lui famiglia, e non interessandosi neppure di rilevare i danni causati, al fine di provvedere ai dovuti risarcimenti”. La seconda è contro il sindaco del Comune di Trecate Giuseppe Magnaghi “che ha lasciato per due giorni nell’assoluto abbandono i cittadini delle zone più colpite dalla pioggia di idrocarburi ed idrogeno solforato senza dare loro nè aiuto nè informazioni e che inoltre sta agevolando ditte non specializzate che stanno prendendo il monopolio delle polizie e sta aggiungendo inquinamento a quello provocato dagli idrocarburi, facendo buttare dopo sei giorni e senza alcun preavviso alla popolazione, tonnellate di polveri sulle strade e infangandole con acqua, continuando a portare gravi disagi proprio a quella parte di popolazione già colpita”

Share

About Author

Daniele Baroni

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi