Le News della Sera — 03 Aprile 2021

Un fronte freddo scuoterà la seconda parte del sabato su molte regioni, portando rovesci temporaleschi, un rinforzo del vento e un calo importante delle temperature. Domenica ultimi rovesci su parte del sud e sulla Sardegna, ma migliora, clima più freddo ma tempo soleggiato, bella la giornata di Pasquetta, poi robusta irruzione fredda da nord.

 

SITUAZIONE: l’alta pressione si è defilata e sta lasciando spazio ad un fronte freddo che, tra il pomeriggio e la serata, sfonderà su gran parte del Paese, a partire dall’Emilia-Romagna, per poi dilagare verso il centro e infine il meridione, portando rovesci sparsi, a sfondo temporalesco e un generale calo delle temperature. Ecco la distribuzione dei fenomeni prevista sino alle 20 di oggi secondo il nostro modello:

Qui l’animazione satellitare che mostra l’avanzamento del fronte freddo a ridosso delle Alpi orientali e contemporaneamente la presenza di un nucleo instabile sul medio-basso Tirreno che non avrà comunque conseguenze dirette sul territorio:

EVOLUZIONE: dietro ad esso aria più fredda si insinuerà sul territorio determinando per la giornata di Pasqua una ulteriore flessione delle temperature, specie al nord e lungo il versante adriatico, come mostra questa mappa a 1500m prevista per l’alba di domenica 4 aprile:

La mattinata di Pasqua vedrà ancora qualche incertezza sul basso Adriatico e la Sardegna ma con successivo miglioramento già nel corso della mattinata, bel tempo altrove.

PASQUETTA con il sole quasi ovunque e con netto rialzo dei valori al nord, ancora un po’ freddo al centro e al sud, segnatamente lungo l’Adriatico.

IRRUZIONE FREDDA da nord di martedì 6 aprile: dopo vari spostamenti alla fine i modelli hanno capito che l’affondo dell’aria fredda sarebbe stato direttamente contro le Alpi, senza alcun coinvolgimento della valle del Rodano e dunque senza depressione al suolo nel cuore della Valpadana.

Un’evoluzione che aggraverà ancor più la situazione siccità al settentrione, perché oltre alla beffa delle mancanza di piogge prevista interverrà anche il vento a rinsecchire ulteriormente la vegetazione.

Non mancheranno comunque i risvolti instabili su nord-est, centro e sud ed anzi sono previsti rovesci di neve, grandine, neve tonda o pioggia mista a neve a quote molto basse (200-300m) su Emilia-Romagna, zone interne del centro e persino su Molise, Lucania e Campania interna. In questa mappa la posizione delle precipitazioni nel pomeriggio di martedì 6 aprile, ma i fenomeni poi scenderanno verso sud, da notare le nevicate sino in pianura attese sui Balcani:

A seguire ecco l’aria fredda sfondare sul territorio ed impegnare anche la giornata di mercoledì con venti settentrionali sostenuti ed ulteriori fenomeni di instabilità lungo la dorsale appenninica del centro e del sud con neve a quote collinari. Ecco le temperature previste a 1500m per l’alba di mercoledì 7 aprile:

MIGLIORAMENTO: da giovedì 8 progressiva affermazione dell’alta pressione e bel tempo almeno sino a domenica 11 aprile con clima progressivamente più mite ma con lo spettro della siccità che aleggerà ancor più su mezza Italia; una situazione che potrebbe risolversi probabilmente solo a maggio, ma è ovviamente ancora tutto da vedere.

fonte:

meteolive

Share

About Author

Daniele Baroni

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi