Editoriali Slider — 29 gennaio 2017
Oramai vedendo l’andazzo del peggior inverno mai visto per i nevofili/piovofili dell’Italia del Nord e Toscana, possiamo, certamente, arrivare al punto del “tirare”, come si suol dire, le “somme”.

SIA CHIARO: qui parliamo di NON INVERNO non, di certo, sotto il profilo termico ma NETTAMENTE precipitativo per Nord Itaia e Toscana. Questo per sgombrare, già da subito, il campo da “sterili” appunti e/o critiche. Qualcuno obietterà con frasi del tipo: “sul calendario (meterologico) abbiamo ancora un mese teorico di inverno. Tuttavia cerchiamo, con cognizione di causa, di intendere e capire cause, effetti, e motivazione di quella che, intendiamoci, specie alla luce di quanto accaduto e di quanto ancora le proiezioni mostrano, non è (almeno non più.. visto che siamo a fine Gennaio), un “opinione”.. ma, purtroppo, una (dura) constatazione del reale.

La causa principale? L’assenza (ingiustificata!!) dell’Atlantico, il VERO ATLANTICO, senza il quale il Nord, in special modo nel proprio settore Occidentale e Toscana, l’inverno.. tale non è. Alpi del Nord ed Appennini Toscani, infatti, si trovan, ad oggi, senza neve decente.

E proprio quella neve, spesso, è proprio quel tanto sospirato ed “agoniato”Atlantico a permetterla,: con buona pace dei sostenitori del contrario. Responsabili dell’assenza di questa figura “chiave”, sono le Alte pressioni calde subtropicali troppo invadenti, anticicloni Azzorriani così in forma non se ne vedono spesso così come campi altopressori imponenti, vedi il passato Dicembre, quali l’Africano/mediterraneo. Configurazioni, nettamente, più simil Estive che altro, pensiamo che, localmente, si sono raggiunti e registrati valori anche di 580-586 dam e 1040 millibar!

A Gennaio gli anticicloni subtropicali si sono “travestiti” come delle “alte pressioni europee”, meno calde, a tratti anche freddine però con medesimo risultato sia per il Nord quanto per gli amici Toscani. Alte pressioni Europee “alleate” a decisive spallate delle “colleghe” Azzorriane, han causato mille cut-off (tagli) operati proprio a discapito di perturbazioni Atlantiche anche ben strutturate.

Nel tempo trascorso abbiamo (ed aggiungo: purtroppo) assistito impervi ed immani con troppe occasioni: frontolisi (perturbazioni che si frantumano o dividono), gocce fredde con direzione sbagliata, tutto a favore (diciamo così, termine nettamente “infelice”, mi riferisco solamente in fatto di “concatenazione” utile ad eventi freddi/precipitativi e non certo allle tragedie vissute.. anche se con buona mano umana) del centro sud, che ha vissuto un inverno anche più nevoso dei record del 1929-56-85 in alcune province.

Si dice che non sono facili le interazioni est-ovest, ciò, lo scrivente, lo bolla come FALSO: solo negli ultimi non-inverni dette interazioni non si sono realizzate, nelle precedenti, però, esse si sono sempre, o quasi, avute, torniamo, ad esempio, con la memoria al periodo 2012-13, potevano, sicuramente, esser “catalogate” come basse di latitudine o alte, in ogni caso il dato oggettivo è che si sono verificate: eccome.

E attenzione, tutto questo ha comportato una 552dam (fronte polare) alta di latitudine per lunghi periodi, manco fossimo a Luglio! Poi quando è scesa la 552 dam, spesso sui balcani e centro sud fino anche in africa, a ovest c’era sempre un alta pressione con gpt alti, a bloccare le normali perturbazioni atlantiche: Non era, certamente, così fino a qualche anno fa (pochi..)

Due esempi? Nessuna termica eccessiva/esagerata: Febbraio/Marzo 2013.

Il 9-10 febbraio irruzione normalissima con una -7 a 1500metri secca al nord, portò sole e fohn freddo ma era già pronta la LP atlantica al seguito, nevicò  in pianura anche 15-20cm al nord fra l’11 e 12 febbraio

http://old.wetterzentrale.de/pics/archive/ra/2013/Rrea00120130210.gif

http://old.wetterzentrale.de/pics/archive/ra/2013/Rrea00120130211.gif

Addirittura a metà marzo 2013, irruzione fredda secca con sole il 15-16 marzo, ma subito era pronto l’atlantico al seguito, e non il blocco, il blocco non è necessario per fare irruzioni decenti sull’italia… nevica il 17/18 al nord

http://old.wetterzentrale.de/pics/archive/ra/2013/Rrea00120130315.gif

http://old.wetterzentrale.de/pics/archive/ra/2013/Rrea00120130316.gif

http://old.wetterzentrale.de/pics/archive/ra/2013/Rrea00120130317.gif
http://old.wetterzentrale.de/pics/archive/ra/2013/Rrea00120130318.gif

Signori, sia chiaro, sono e siamo tutti coscienti di quanto, specie per quelli che amano l’inverno fatto di neve al piano,  queste siano deduzioni scomode, cattive, quasi da negare per “scongiurare”. Umanamente anch’ io stesso lo intendo così come tutto il nostro staff: e bene anche. Chi investe “passione” oltre che amore nella meteorologia di essa ne ama tutto ma in misura netttamente maggiore ne adora la stessa dinamicità.

Però, giunti oramai nel finire del primo mese del nuovo anno dette argomentazioni non si posson più definire ne ipotesi ne “congiure” ne, tantomeno, chiacchiere. E’ sotto l’occhio (se”vigile”..) di tutti ciò che non abbiamo, incontrovertibile quanto assurdo definire ed affermare il contrario. Parlano i fatti e noi, se mai, ne diveniamo, specie in questo editoriale, dei “meri” traduttori.

A presto.

Guido Vercesi

Staff www.meteoservice.it

Revisione testi e struttura: Nikolas Rossi

Admin&webmaster www.meteoservice.it

Share

About Author

Guido Vercesi

(5) Readers Comments

  1. Titolo chiaramente FUORVIANTE…… e comunque il fatto che mentre va via il GELO SIBERIANO ricomincia a piovere e nevica in Piemonte è la dimostrazione che quanto affermano i teorici del “clima caldo” NON QUADRA…. la vera anomalia è che negli inverni italiani (guardate un Atlante e vedrete quali erano le medie di Gennaio) MANCHINO le perturbazioni Atlantiche dei tempi di Bernacca (cioè di quando ero piccolo) …..la presenza quasi costante di correnti da nord-est non solo non è sintomo di caldo (dirlo è una bestemmia) ma è una delle cause della siccità al nord !!!!!!

  2. Davide Broglia

    Ok, spiegazione chiara ed impeccabile. .. però questo articolo che sa di resa dei conti finale di una stagione ancora lunga, sarebbe meglio proporlo a fine inverno, e cioè a marzo! !!! Cioè a febbraio può succedere di tutto, considerando pure gli effetti possibili del forte riscaldamento stratosferico che sta avvenendo!!! Cioè boh, i conti nn so fanno a gennaio eheh

  3. Gabriele Zicaro

    Scusate temperature sotto zero e laghi ghiacciati che sono?

    • Meteoservice.net: è TEMPO di cambiare

      Ti consigliamo di LEGGERE l’articolo (non solo il titolo) 😉

      • volevo anch’io commentare l’articolo -che ovviamente non condivido- è per questo che appare “conflict” ????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi