Editoriali — 16 Febbraio 2019

AccuWeather
Previsioni per la primavera 2019 in Europa.

La primavera arriverà presto su alcune parti d’Europa, mentre il freddo e la neve permarranno su altre parti del continente.

La primavera comporterà anche il rischio di inondazioni e venti dannosi per alcune nazioni, mentre in altre zone dell’Europa si potrebbero verificare dei lunghi periodi di siccità.
Frequenti periodi caldi dal Regno Unito alla Francia

Un rapido passaggio al calore primaverile si farà strada sulle zone dell’Europa occidentale con periodi di tempo mite prolungati, dalla Francia verso le regioni meridionali del Regno Unito e dell’Irlanda.

A differenza dello scorso marzo, che è stato caratterizzato da diversi giorni con nevicate accumulate a Londra e Parigi, prevarrà un clima più mite che limiterà la minaccia di eventuali fiocchi di neve quest’anno.

“L’ alta pressione si estenderà sull’Europa occidentale e sul Golfo di Biscaglia per gran parte della stagione, fornendo tratti di tempo secco su gran parte della Francia e della penisola Iberica”, secondo il meteorologo di AccuWeather Tyler Roys.
A marzo, a Parigi, a Nantes e a Lione, sono previste temperature di +16 ° C (60 ° F) ma anche più elevate.

Ad aprile, le stesse città avranno il potenziale per raggiungere i + 27 C (80 F) in più occasioni.

Questo andamento meteorologico produrrà anche temperature più alte del normale in Irlanda e nel Regno Unito; tuttavia, gran parte del calore sarà rovinato dal frequente passaggio di tempeste sul nord della Scozia.

“Per la stagione nel suo complesso si prevedono precipitazioni straordinarie in gran parte dell’Irlanda del Nord, della Scozia e dell’Inghilterra settentrionale”, ha dichiarato il meteorologo di AccuWeather Senior, Alan Reppert.

“Il periodo più probabile per un lungo periodo di tempo secco in queste aree sarà durante il mese di maggio”, ha aggiunto Reppert.

Queste tempeste atlantiche porteranno anche la minaccia per venti dannosi a livello locale con il maggior rischio in tutta l’Irlanda del Nord, la Scozia e l’Inghilterra del Nord durante i mesi di marzo e aprile.

Nei Paesi Bassi, nel nord della Germania e sulla Penisola Scandinavia  la primavera inizierà bagnata.

“Per gran parte della stagione primaverile è previsto un centro di bassa pressione attivo dall’Atlantico al Mare del Nord e in Scandinavia”, ha affermato Roys.

In queste zone sarà difficile trovare l’opportunità di godere di attività all’aperto a causa della frequenza delle piogge.
Il clima più piovoso del normale aumenterà anche il rischio di inondazioni in Norvegia e Svezia poiché la pioggia si combinerà con la neve che si scioglie.

Un’altra preoccupazione sarà causata dai venti tempestosi che interesseranno soprattutto la Danimarca, la Norvegia e la Svezia meridionale.

I timori di siccità aumentano attraverso la penisola Iberica e Europa centrale.

Mentre il tempo piovoso e il rischio di inondazioni colpiscono alcune parti del nord Europa, in tutta la penisola Iberica, sull’Italia e sull’Europa centrale è previsto un clima più secco del normale.

I periodi prolungati di tempo asciutto saranno accompagnati da temperature sopra la norma sia a Marzo, Aprile e Maggio.

Il clima secco e caldo consentirà alle persone di godersi più tempo all’aperto, ma a lungo termine arriverà un costo da pagare.

Il tempo asciutto prolungato durante la primavera non sarà inizialmente un problema; tuttavia, con l’avanzare della stagione primavera e l’arrivo dell’estate si svilupperà in tutte queste regioni molta preoccupazione per una siccità di lunga durata.
I meteorologi di AccuWeather sono anche preoccupati del rischio che le condizioni di siccità si vadano a costruire attraverso l’Europa centrale, dall’Italia verso la Germania meridionale verso la fine della primavera.

“Il clima secco sarà inizialmente vantaggioso per gli agricoltori in quanto consentirà la semina precoce delle colture”, ha detto Reppert.

Ma la condizione delle colture diventerà più preoccupante durante i mesi estivi se il tempo secco continuerà.

Nel frattempo, gli sciatori beneficeranno di lunghi periodi di siccità attraverso le Alpi in seguito a un inverno che ha prodotto nevicate ben al di sopra della norma.

La stagione sciistica primaverile dovrebbe durare più a lungo del normale; tuttavia, ci sarà un rischio elevato di valanghe a causa del manto nevoso instabile a causa del passaggio a temperature più elevate man mano che la primavera avanza.

Chiunque pianifichi un viaggio sugli sci dovrebbe monitorare da vicino le condizioni delle piste nella propria zona.

Anche l’Europa dell’Est sarà destinata a sperimentare il calore primaverile, anche se arriverà più tardi che nella maggior parte delle altre località del vecchio continente.

Le aree dalla Moldavia verso l’Ucraina, la Bielorussia e gli stati baltici dovranno sopportare un po ‘di freddo e neve supplementare durante i mesi di marzo e aprile.

“Dato che l’alta pressione si troverà nell’Europa occidentale, l’aria fredda sarà in grado di rimanere trincerata in tutta l’Europa orientale”, ha detto Roys.

La presenza di quest’aria fredda aumenterà il rischio di neve in quanto le tempeste arrivano sia dalla penisola balcanica che dal nord Europa.

La primavera fredda e innevata può ritardare l’impianto di colture in alcune aree.

Elevato rischio per le nevicate nel mese di  Marzo, con successivo rischio inondazioni nella penisola Balcanica nei mesi successivi.

Durante il mese di marzo, un po ‘di freddo invernale si protrarrà sulla penisola balcanica preparando il terreno per l’inizio delle prime nevicate primaverili.

L’alta pressione sull’Europa occidentale consentirà all’aria fredda dalla Russia di filtrare fino ai Balcani meridionali.

I sistemi perturbati si dirigeranno dall’Europa settentrionale verso sud-est e si scontreranno  con l’aria fredda così aumenterà il rischio di neve e freddo in tutta la regione Balcanica.

Le temperature saliranno durante i mesi di aprile e maggio, limitando la minaccia di nevicate alle quote più alte.

Mentre l’aria fredda viene sostituita da condizioni climatiche più miti, il tempo resterà instabile con frequenti piogge.

“Le alluvioni saranno una preoccupazione, specialmente ad aprile, quando lo scioglimento della neve si combinerà con un tempo piovoso e duraturo” ha detto Roys.

Aree di terreno accidentato saranno anche a rischio di colate di fango a causa delle precipitazioni continue.

A maggio, lo schema instabile continuerà con la principale minaccia che passerà dall’alluvione a  forti temporali.

Fonte AccuWeather.com

A cura di Centra Massimo

Share

About Author

Massimo Centra

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi