Slider — 30 agosto 2018

Un fronte temporalesco si attiverà sul settentrione nella giornata di venerdì a partire dalla fascia prealpina e pedemontana.

 

Osservando il cielo di stamane sul nord Italia non ci aspetterebbe un’evoluzione come quella attesa per la giornata di venerdì 31 agosto, cioè fra meno di 24 ore, un cambiamento repentino, una cascata d’acqua dal cielo su molte regioni!

Un fronte temporalesco è destinato ad attivarsi già nelle prime ore del mattino a ridosso della fascia montana e pedemontana del nord, scaricando tra alto Novarese, Biellese, Varesotto, Comasco, Lecchese e Bergamasca molti mm di pioggia.

L’abbondanza delle precipitazioni è testimoniata da modelli matematici che non la limitano però alle montagne, ma la fanno scendere gradualmente verso le zone pianeggianti.

La possibilità che si formino numerose celle temporalesche contigue (temporali multicellulari) è altissima: in seno a questi grappoli temporaleschi possono cadere anche 50-60mm di pioggia in meno di un’ora: si parla allora di nubifragi, che possono creare allagamenti, cadute di rami ed alberi e nei casi più gravi persino delle alluvioni-lampo.

Nel pomeriggio i fenomeni scenderanno a colpite le zone pianeggianti con particolare veemenza, attraversando dapprima la media pianura e poi concentrandosi tra basso Piemonte, bassa Lombardia, basso Veneto, nord dell’Emilia.

Una marcia inarrestabile che entro notte li avrà portati a muoversi ulteriormente verso sud: è il classico fronte freddo che raccoglie l’aria più calda ed umida che trova davanti a sé, la solleva e genera ulteriori nuclei temporaleschi.

Le temperature scenderanno di diversi gradi e su molte zone del nord si vivrà una giornata che di estivo avrà ben poco: anche Milano potrebbe essere colpita da temporali di una certa rilevanza.

Abbiamo deciso di pubblicare le mappe più significative dei modelli ad area limitata che elaborano una previsione molto dettagliata sulla base dei dati del modello europeo: come vedrete si nota una certa differenza nella distribuzione dei fenomeni tra un modello e l’altro, questo è del tutto normale, ma ciò che è emerge sono gli accumuli, per nulla trascurabili, presenti su tutte le carte.

Se abitate al nord, evitate assolutamente di avventurarvi in un sottopassaggio con l’auto durante gli eventuali temporali!

Secondo questi modelli Liguria e parte della Romagna risulteranno le regioni meno coinvolte dalle precipitazioni in questa prima fase, ma potranno essere colpite nella notte su sabato e, per quel che concerne la Romagna, anche per tutto il fine settimana.

Seguite tutti i nostri aggiornamenti!

 

 

 

riportiamo da meteolive

Share

About Author

Fabio Fornara

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi