Editoriali Slider — 30 maggio 2018

Con il jet stream, nel suo flusso principale, disposto a latitudini ben settentrionali sul continente, le latitudini meridionali finiscono per risultare terra di ristagni, di flussi secondari e di contesti semi-indipendenti dal grande zonale. Le frecce blu indicano le linee di detto grande flusso, e mostrano, anche, una derivazione capace di sfondare all’altezza dell’iberia e di insidiare il tempo mediterraneo. La sintesi del tempo di questi giorni sta in questa descrizione, che vede, come protagonista, appunto, piuttosto che un grande forcing ovest-est, alquanto distante, l’essenza di una moderata infiltrazione capace di raggiungere il mediterraneo occidentale e di mantenervi un contesto depressionario, soprattutto in quota. Si tratta di una configurazione che, nel contempo, mantiene un africano sempre in agguato, e, talora, capace di arginare le correnti sud-occidentali instabili della circolazione depressionaria indicata. La suddetta competizione, tra l’africano ed infiltrazioni capaci di produrre ondate di instabilità in moto da meridione o sud-ovest sui nostri bacini occidentali, è altresì destinata, a continuare. Si potranno, ovvero, avere fasi più stabili e calde (con caldo afoso) per prevalenza della rimonta e della barriera africana, e fasi più instabili ed associate a peggioramenti, in prevalenza di tipo temporalesco e più presenti nelle ore diurne per spostamento dell’equilibrio a favore dell’oceano. E così al prossimo fine settimana può toccare il miglioramento da recupero dell’africano, mentre il corso della prima parte della prossima settimana può subire gli effetti di una sua ritirata collegata a significativa spinta atlantica. Il disegno, che illustra la situazione prevista in quota proprio ad inizio settimana, mostra, appunto, la spinta legata alla derivazione del getto diretta su iberia e mediterraneo, incisiva, e capace di allontanare verso est e con decisione, le velleità del promontorio africano…

Pierangelo Perelli

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi