Editoriali Slider — 12 gennaio 2017
A distanza di alcuni giorni gennaio ripropone un afflusso artico-continentale deviando il tiro più ad occidente indirizzando lo stesso afflusso in modo più diretto sull’italia e sul mediterraneo

Piuttosto che un persistente blocco anticiclonico le azzorre hanno deciso di sviluppare periodiche estensioni meridiane destinate, in progressione, al nord-atlantico, all’artico marittimo e all’artico-continentale, secondo pulsazioni che, nella sostanza, finiscono comunque per disegnare una stagione assai improntata al settentrione ed al vero inverno.

La tendenza dell’artico a scavare più a nord e ad occidente, a partire da questo fine settimana, produrrà la classica depressione mediterranea associata ad una prima diramazione della sacca fredda artica e poi a successivi richiami freddi in quota. Il disegno si riferisce ai primi giorni della settimana, e da l’idea, in un contesto di blocco anticiclonico disposto da sud-ovest a nord-est, della recrudescenza artico-continentale prodotta dal richiamo di un significativo blocco freddo in quota, capace di raggiungere il mediterraneo settentrionale sino ai bacini occidentali e di rinvigorire ed approfondire la medesima depressione centrata sul tirreno centro-meridionale.

La struttura tipica dei sistemi attivi ed in maturazione come questo è destinata a coinvolgere, con un tempo freddo ed instabile, buona parte della penisola, segnatamente le regioni centrali, meridionali, l’adriatico ed il nord-ovest. Naturale anche la successiva stagnazione da evoluzione in “dipole”, con successivo indebolimento della depressione ma sempre in un contesto di relativa persistenza nonché di distribuzione dei fenomeni e del minimo ciclonico non di facile previsione.

La settimana, pertanto, potrà, più o meno in gran parte, essere segnata da una fase invernale e relativamente instabile, con, poi, un finale evolutivo rappresentato da progressivo colmamento e fuga del polo freddo verso occidente…

 

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi