Editoriali Slider — 09 gennaio 2017
L’azione fredda in corso, sostenuta dal residuo di un afflusso artico-continentale..

.. in veste di esteso polo freddo balcanico può, in forma attenuata e nel corso di inizio settimana, entrare in interazione con una infiltrazione atlantica e produrre una recrudescenza di tempo invernale e precipitativo in estensione o in risalita.

In effetti, tra la discesa verso sud in mediterraneo centrale della suddetta infiltrazione e il richiamo, con effetto retrogressivo, del polo freddo balcanico, il tempo instabile può estendersi al nord-italia occidentale e risalire in adriatico, ma con effetti molto temporanei. Un redivivo zonale, infatti, è pronto a rimuovere tutti i residui dell’azione fredda degli ultimi giorni ed instaurare una temporanea azione ben più occidentale.

Molto interesse continua a destare, nel frattempo, la possibile nuova azione fredda di inizio seconda metà del mese, in certi modelli davvero consistente e ad azione persino più influente e diretta della precedente. Ma occore ammettere, nel contempo, che non tutti i modelli la delineano così significativa.

Facendo riferimento ai modelli che identificano un vero e proprio polo freddo continentale in moto ed in azione in pieno mediterraneo, il disegno descrive la corrispondente situazione in quota ed al suolo del giorno 17 e marca la possibilità di una fase invernale e variabile o perturbata stavolta più estesa e presente sui settori centro-settentrionali.

Tuttavia, come detto, altri modelli attenuano di molto la stessa azione identificandola come una moderata spinta orientale continentale in rapida evoluzione ed attenuazione, sotto i colpi dell’azione oceanica. La differenza tra queste due possibilità è descritta e simboleggiata nel disegno dalle linee viola e blu, simbolicamente rappresentative di una isoipsa di confine. Risulta evidente il maggiore forcing zonale nel caso della seconda che corrisponde all’ipotesi meno simpatica ai freddisti…

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi