Editoriali Slider — 05 Ago 2018

“Più il continente dell’oceano” rappresenta oramai una regola che, come nel caso specifico, non fa certo del bene alla estate più classica. L’estate è calda di per sé ma, quando sostenuta dalle azzorre e da un anticiclone che spinge aria atlantica da occidente, è relativamente mitigata; quando invece le correnti atlantiche non hanno modo di interessarci perché bloccate o spinte a latitudini più alte, ecco che il caldo risulta più opprimente. Non solo; una estensione verso est o nord-est del sub-tropicale fa anche spazio, come in questi giorni, ad una ritornante continentale, fresca in quota, capace di incentivare fenomeni di instabilità, anche intensi, sulle regioni interessate dal moderato cavo d’onda (in questo caso il nostro centro-sud). Detta situazione tende, comunque, ad un graduale cambiamento nel corso dei prossimi giorni, per gli effetti di una spinta negativa atlantica capace di ribaltare il contesto barico dell’europa occidentale e di collocare una saccatura proprio in corrispondenza dell’iberia, dove ora sussiste un deciso promontorio anticiclonico. Nel disegno è indicata, in sovraimpressione, l’espansione attuale del sub-tropicale con massimi sull’iberia, e, in termini di isoipse e centri barici, la situazione prevista a metà settimana. Si nota l’evoluzione favorevole all’atlantico con la possibilità di suoi primi disturbi sul nord-italia. Chiaro che un tale affondo è capace di incentivare un promontorio anticiclonico sino ad elevate latitudini, ma è anche possibile che detto promontorio finisca per non andare oltre le caratteristiche di promontorio pre-frontale. Inoltre in prospettiva si nota, piuttosto che il realizzarsi di resistenze da blocco, l’ulteriore incalzare del nord-atlantico e di ulteriori saccature da vero e proprio break. La freccia n. 1 sta a simboleggiare la prima azione segnalata, più ostacolata e di metà settimana, mentre la freccia n. 2 sta a simboleggiare l’ulteriore incalzare suddetto, più deciso e valido per i giorni di metà mese…

Share

About Author

Pierangelo Perelli

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sui cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo maggiori informazioni

Non utilizziamo alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sul loro utilizzo e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostraINFORMATIVA

Chiudi